Calciomercato Roma, c’è una squadra in esubero | I problemi di Pinto

Calciomercato Roma, c’è una squadra intera in esubero che si allena a Trigoria: tutti i problemi di Tiago Pinto

Jose Mourinho
Jose Mourinho ©Getty Images

C’è l’assoluta necessità di cedere qualcuno prima di poter fare qualche altro regalo a Mourinho. Per questo il general manager portoghese ha chiesto tempo all’allenatore, suo connazionale, che aspetta ancora il centrocampista dopo la frenata per Xhaka. E non sarà sicuramente facile riuscire a piazzare tutti gli elementi che si stanno allenando a Trigoria e che, al momento, non rientrano nei piani della società. C’è una squadra intera che lavora a parte.

Ieri, così come spiegato da Il Messaggero, a Roma erano in 24 a sudare. E messi insieme, sul bilancio giallorosso, pesano per oltre 30 milioni di euro. Una cifra importante che blocca praticamente le entrate. Ma è soltanto cedendo qualcuno di questi – soprattutto i big – che i giallorossi avranno nelle casse quella disponibilità economica che serve a sbloccare la situazione.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, annuncio ‘ufficiale’ | Niente addio

Calciomercato Roma, tutti i problemi di Pinto

Steven Nzonzi ©Getty Images

Facciamo un quadro: ci sono Nzonzi, Florenzi, Pedro e Olsen. Devono essere ceduti. Per ovvi motivi. Ma non è un compito semplice. Se per il centrocampista francese c’è qualche speranza di chiudere a breve una trattativa in uscita, per gli altri ci sono delle difficoltà sicuramente non di poco conto. Sull’esterno campione d’Europa con la maglia azzurra c’è il Siviglia dell’ex Monchi – ma ha lo stesso problema di Pinto, deve vendere – mentre sul portiere Lilla, Rennes e West Ham hanno fatto un sondaggio. Non più di quello, per ora, quindi rimane una trattativa che non sembra destinata, nel breve periodo, a sbloccarsi.

Infine c’è la questione Pedro che, come spiegato ieri, la Roma vorrebbe cedere in Italia per non perdere i vantaggi fiscali del decreto crescita. E solamente il Genoa, in Serie A, ha mostrato un certo interesse. Ma in questo caso, Pinto, dovrebbe aiutare i liguri con l’ingaggio. Una politica che a Trigoria è stata abbandonata.