Calciomercato Roma, colpo a zero a rischio | Gli ultimi sviluppi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:30

Calciomercato Roma, colpo a zero a rischio. Ecco gli ultimi sviluppi sull’obiettivo giallorosso dei prossimi mesi. Pinto in attesa

Calciomercato Roma
Tiago Pinto

Il nome è segnato da tanto tempo sul taccuino del general manager della Roma Tiago Pinto. Ci ha provato, il portoghese, a portarlo in giallorosso questa estate, ma non c’è riuscito, soprattutto perché bloccato da quegli elementi che non hanno accettato nessuna offerta e che la Roma doveva cedere. Poco male, però: un nuovo assalto probabilmente verrà fatto a gennaio, visto che il contratto dello svizzero va in scadenza nel 2022. In ogni caso, secondo quanto riportato dal giornalista Paolo Rocchetti, il padre di Zakaria starebbe ricevendo molte offerte per quanto riguarda la procura del figlio. Saranno valutate nelle prossime settimane, ovviamente. Ma attorno al centrocampista svizzero, che sta dimostrando di possedere delle ottime qualità, oltre ai club, ci sono anche gli intermediari di mercato pronti a fare scintille. Sognando una profumata ricompensa economica la prossima estate quando, da svincolato, il calciatore potrebbe andare a prendersi senza pensarci più di tanto uno stipendio importante.

LEGGI ANCHE: Roma-Sassuolo, le ultime da Trigoria: partiranno titolari

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, sogna il giallorosso | “Mi piacerebbe tornare”

Calciomercato Roma, Pinto in attesa

Calciomercato Roma
Denis Zakaria ©Getty Images

Una situazione che mette Tiago Pinto, e la Roma di conseguenza, in attesa di capire con chi bisogna parlare per cercare di regalare il centrocampista a José Mourinho. Zakaria è un obiettivo di mercato dichiarato dei giallorossi, che faranno di tutto, magari anche a gennaio versando un indennizzo minimo al club tedesco, per portarlo in Serie A.

Quello che rimane adesso è che ogni possibile trattativa è in standby: se non si conosce il rappresentate del calciatore, inutile cercare d’intavolare ogni possibile colloquio. C’è da attendere. E sperare che chiunque esso sia non spari cifre astronomiche per l’ingaggio.