Verso Roma-CSKA Sofia, quanti cambi per Mourinho | Le scelte

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:28

Pochi dubbi di formazione per la prima della fase a gironi della UEFA Conference League per la Roma di Mourinho.

Roma Sassuolo ©GettyImages

Cinque partite ufficiali e cinque vittorie per José Mourinho da quando è sulla panchina della Roma. Da inizio stagione lo Special One ha totalizzato tre successi in campionato, ieri quello più difficile ed emozionte contro il Sassuolo, grazie al destro a giro di Stephan El Shaarawy che si è stampato sul palo interno prima di entrare in rete, ma anche due successi in UEFA Conference League, dove giovedì alle ore 21 andrà in scena allo Stadio Olimpico la prima giornata della fase a gironi. I giallorossi se la vedranno anche quest’anno contro il CSKA Sofia, a differenza dell’anno scorso che però si erano affrontate in Europa League.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Roma, ritorno di fiamma | Futuro in Liga

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Roma, tentativo fallito | Rifiutati 15 milioni

Roma-CSKA Sofia, cambi di formazione

Contro i bulgari lo Special One, che ieri ha disputato la partita numero 1000 in panchina, farà un importante turnover, anche se non è una parola che piace all’allenatore portoghese. Partendo dal centro della difesa, dove tornerà dal primo minuto Chris Smalling, al ruolo di terzino sinistro. Vina dovrà sicuramente riposare, dopo che ha disputato 2 partite in tre giorni tra Nazionale e campionato. Al suo posto ci sarà il giovane 2002 Riccardo Calafiori, che già lo scorso anno ha fatto il suo primo gol in Europa, nella vittoria contro lo Young Boys. Davanti spazio a Carles Perez, al faraone e soprattutto a Eldor Shomurodov.

Non è escluso che l’uzbeko possa giocare in coppia con Borja Mayoral. Lo spagnolo anche ieri è rimasto in panchina. I dubbi rimangono sul secondo centrale di difesa (Kumbulla favorito), sul terzino destro (dovrebbe partire Reynolds), e sui due mediani. Difficilmente riposerà uno tra Cristante e Veretout, a meno che Mourinho voglia dare fiducia sia a Gonzao Villar che a Amadou Diawara.