Roma, c’è il candidato alla maglia numero 10 | La benedizione di Totti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:45

Roma, Francesco Totti, con la sua CT10 management, ha deciso di puntare sul trequartista classe 2003: ecco la sua benedizione

Roma
Francesco Totti ©GettyImages

Quella maglia, dopo Francesco Totti, non l’ha più indossata nessuno. Ma i bambini, quando iniziano a giocare a pallone, e si muovono con dimestichezza in quel ruolo, la sognano: la numero 10 ha sempre avuto, e ha ancora, il suo fascino, nonostante ormai si giochi con tutti i numeri possibili e immaginabili. Ma quell’emozione, quell’incanto, di mettersi sulle spalle la maglia che è stata del capitano, intriga ancora molti. L’erede ancora non c’è, ma potrebbe arrivare a stretto giro di posta.

Ne parla questa mattina il quotidiano Repubblica, svelando come Totti, con la sua CT10 management, abbia deciso di puntare forte sulle prestazioni di Cristian Volpato, trequartista classe 2003, che gioca nella Primavera giallorossa. Un talentino niente male che è pronto a esplodere. E allora meglio aiutarlo nel suo percorso di crescita.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, basta rinvii | Settimana decisiva

LEGGI ANCHE: Totti show al Gran Premio di Monza | Il “fuori pista” prima del via

Roma, ecco il numero 10 del futuro

Volpato ©GettyImages

Potrebbe essere lui il numero 10 del futuro. Anche perché, con le sue prestazioni, ha attirato molti club, anche di Serie A, che lo hanno messo nel proprio mirino. Adesso però se lo gode la Roma, e soprattutto De Rossi, che gli ha affidato la sua squadra. Che è partita anche alla grande, con due vittorie in altrettante partite. La Primavera, così come la prima squadra, e le ragazze di Spugna, è a punteggio pieno. Diciamo che l’inizio è stato dei migliori.

La benedizione, comunque, è quella del capitano. La migliore in circolazione, Volpato stupisce e regala giocate. E i giallorossi sperano di aggregarlo presto in prima squadra agli ordini di Mourinho. Che paura di mandare in campo gente che ritiene pronta non ne ha. Chissà se quel numero non ritorni davvero a farsi vedere sul prato dell’Olimpico.