Roma, nuovo stadio | L’annuncio di Maurizio Costanzo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:00

Roma, ormai è deciso: ecco dove si farà lo stadio. La società giallorossa sembra ormai essere incanalata verso una decisione

Roma
Maurizio Costanzo ©Getty Images

Si cercherà di stringere i tempi. Perché troppo se ne è perso. La Roma, nel momento in cui la città deciderà il nuovo sindaco nelle elezioni che sono previsto il primo weekend di ottobre, cercherà in tutti i modi di intavolare un discorso con l’amministrazione capitolina per accelerare sulla costruzione del nuovo stadio. E dopo le parole di Fienga di questa mattina, nel pomeriggio sono arrivate anche quelle del responsabile delle strategie di comunicazione della società giallorossa, Maurizio Costanzo, che è intervenuto a Radio Radio.

“Riguardo lo stadio sono d’accordo con Fienga. Deve essere un impianto facilmente raggiungibile. I fan devono vivere 7 giorni su 7 allo stadio, non solo il giorno della partita. Qualsiasi sindaco sarà eletto dovrà fare subito lo stadio della Roma perché le persone lo ricorderanno”. Ecco, in poche parole, spiegati i reali obiettivi della società giallorossa sulla questione. Che sarà di fondamentale importanza nei prossimi anni.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, interesse ancora vivo | Affare con la Juventus

LEGGI ANCHE: Giudice sportivo Serie A | Arriva la stangata

Roma, ecco la decisione sullo stadio

Calciomercato Roma
Dan e Ryan Friedkin ©GettyImages

Sulla zona individuata, che è ovviamente quella di principale interesse, Costanzo ha le idee chiare. In sintonia con la società: “L’Ostiense, perché è facilmente raggiungibile e vicina ai servizi”. Una presa di posizione netta, per spigare quali sono le idee, chiarissime, dei Friedkin sulla questione.

Poi, infine, non è mancata una battuta proprio sulla proprietà che non si è mai esposta mediaticamente. “Io la voce dei Friedkin – ha confermato – l’ho sentita una volta sola quando li ho incontrati. Al silenzio stanno rispondono coi fatti però. Capisco la curiosità ma i precedenti oltreoceano non hanno funzionato tanto”.