Roma, è Abraham mania | L’idolo lo incorona

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:29

Tammy Abraham è assoluto protagonista della partenza eccezionale della Roma di Mourinho. Il nuovo numero 9 giallorosso è stato incoronato anche dal suo idolo.

Tammy Abraham ©GettyImages

Tammy Abraham alla Roma ha conquistato davvero tutti, a partire dal tecnico che l’ha fortemente voluto, i compagni con cui si trova alla meraviglia ed infine i tifosi giallorossi. Amore suggellato anche dal primo gol trovato allo stadio Olimpico, nel trionfo all’esordio in Conference League. Il nuovo numero 9 è assoluto protagonista, con la sua tecnica unita ad una grinta pazzesca ha raccolto alla grande un’eredità per nulla semplice in casa Roma.

Leggi anche: Calciomercato Roma, bocciatura totale | Nuovo colpo a gennaio

Si perchè la punta inglese è stato l’ago della bilancia nel valzer delle punte, che ha visto Lukaku lasciare l’Inter per il Chelsea, Edin Dzeko raggiungere l’Inter e Tammy Abraham vestire la maglia giallorossa. Ed il suo esordio è stato da subito fulminante, prestazioni eccezionali ed una matta voglia che ha conquistato i tifosi. Oggi per lui arriva un riconoscimento clamoroso, è stato incoronato dal suo idolo.

Leggi anche: Roma, che lite con Mourinho | Quando l’arbitro gli tirò uno scarpino

Drogba incorona Tammy Abraham, entusiasmo Roma

Eccolo il pazzesco siparietto social che ha avuto per protagonista Didier Drogba. L’ex attaccante ivoriano ha espresso tutta la sua ammirazione verso il numero 9 giallorosso che festeggiava il promo gol realizzato all’Olimpico. Ecco il commento di Drogba: “Congratulazioni, ne arriveranno molti altri”. Una nuova iniezione di fiducia per Abraham, che proprio nella giornata di ieri aveva lodato Drogba stesso, intervistato dai canali ufficiali della Roma. Ecco l’aneddoto che ha raccontato il numero 9 inglese: “Drogba uno dei mei attaccanti preferiti. Penso che il mio primo suo ricordo risale a quando ero in ritardo per l’allenamento, c’erano delle macchine davanti a me quindi non potevo passare. Ricordo che mia madre stava gridando alla sicurezza di farci passare, dicendo che ero in ritardo. Drogba ci stava superando con la sua auto e si è offerto di farmi salire con lui, perchè lui aveva il pass per entrare direttamente. Quindi ha chiesto se volevo passare con lui. Nessuno mi ha visto con lui, ma posso dire che mi ha accompagnato ad un allenamento!”