Juventus-Roma, Adani punge | “La differenza tra Allegri e Mourinho”

Juventus-Roma, l’opinionista ed ex calciatore di Inter e Fiorentina ha così parlato del big match e dei due allenatori che stasera si affronteranno.

Roma
Jordan Veretout vs Juventus ©GettyImages

Quella in programma stasera alle 20.45 è sicuramente una delle gare più sentite nella Capitale e, soprattutto, uno dei match maggiormente affascinanti del nostro campionato. Siamo ancora in una fase preliminare della stagione per poter definire i 90 minuti di oggi come decisivi.

Ciò che va sottolineato, però, è il grande significato che lo scontro sottintende, potendo quest’ultimo darci numerose informazioni relativamente al percorso di crescita delle due rose. Sarà interessante capire a che punto si trovi la Juventus, partita con molte difficoltà ma pian piano apparsa in crescita e con sempre più fiducia.

Altrettanto emblematica sarà la reazione della Roma, chiamata a dare continuità alla vittoria con l’Empoli, arrivata dopo lo scacco con la Lazio. I giallorossi, se si esclude la gara del 1 agosto del 2020, quando gli uomini di Fonseca non avevano più nulla da chiedere e quelli di Sarri erano già scudettati, non hanno mai vinto nel nuovo stadio bianconero.

Raccogliendo pareri e pronostici, non sono pochi gli “addetti ai lavori” ad aver presentato la partita come una gara che finalmente la Roma potrà affrontare alla pari, come non accadeva da troppo tempo.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, inserimento dalla Liga | Aumenta la concorrenza

Juventus-Roma, il parere di Adani su Allegri e Mourinho

Roma
José Mourinho ©GettyImages

Molto interessanti, tra i vari, gli spunti di Daniele Adani, ex opinionista di Sky Sport che ha analizzato vari fattori relativamente a Juventus-Roma. Questa la sua presentazione alla gara riportata da “La Gazzetta dello Sport“: “In sfide così equilibrate è difficile che per 90 minuti una squadra tenga il pallino del gioco costantemente. Bisogna stare attenti alla crescita della Juve. Il secondo tempo contro il Toro è stato il migliore della stagione. Mi sembra che i bianconeri abbiano ritrovato lo spirito del loro allenatore, mettendo più pressione agli avversari e  questo si riflette positivamente anche sulla fase offensiva”.

Più che nota la diatriba nata quattro anni or sono proprio tra Adani e Massimiliano Allegri, arrivata dopo la vittoria della Juventus sul campo dell’Inter. Il tecnico è sempre stato “accusato” di un atteggiamento troppo conservativo e mai incline al proporre gioco. L’ex numero 14 è indirettamente tornato sulla questione, analizzando la profonda differenza che sembra aver colto tra il bianconero e José Mourinho.

“Mi aspettavo che dopo due anni Max avesse maturato una lettura calcistica diversa, invece è sempre lo stesso. ‘Mou’ è invece cambiato, prova a vincere, anche al costo di perdere. Roma-Sassuolo e il derby sono il manifesto di quest’atteggiamento, volto a concedere ma anche produrre tanto”. Inutile sottolineare che per i tifosi la speranza è che, pur nel riproporre questa filosofia, ci si possa imbattere in un esito come quello maturato con i neroverdi e non nella stracittadina.