Roma-Napoli, Spalletti perde un big | Lesione ufficiale

Roma-Napoli, è ufficiale la lesione. Spalletti perde un big per la gara di domenica all’Olimpico. Ecco le notizie dal report degli azzurri

C’è da risollevarsi, e la Roma lo dovrà fare contro il Napoli domenica all’Olimpico, quando dovrà affrontare la squadra capolista della Serie A. Non sono ammessi passi falsi, di nessun genere, dopo la batosta di ieri sera in Norvegia. Intanto è ufficiale la lesione: un big non ci sarà.

Manolas ©Getty Images

Secondo il report odierno del Napoli infatti, Manolas, che ha fatto degli esami strumentali oggi, ha riportato “una lesione di basso grado del grande gluteo destro. Il difensore ha già iniziato l’iter riabilitativo” si legge. Non ci sarà quindi l’ex della partita. Con Spalletti che dovrà fare delle scelte diverse da quelle che probabilmente aveva in mente.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, sfida totale con Spalletti | Tre obiettivi in comune – VIDEO

Roma-Napoli, c’è anche un recupero per gli azzurri

Napoli Roma Policano Zielinski
Piotr Zielinski ©GettyImages

Oltre Ounas, che ha fatto del lavoro personalizzato in campo, spiega ancora il Napoli, arrivano anche delle buone notizie per il Napoli: che se ieri sera non ha potuto contare sulle prestazioni di Zielinski, probabilmente lo potrà fare domenica, visto che il polacco ha svolto oggi l’intera seduta con il gruppo azzurro. Sì, questo è un recupero importante per l’altro ex della partita, quello che siede sulla panchina, anche se ci sarà da capire, ovviamente, se sarà mandato in campo dal primo minuto oppure a gara in corso. Le valutazione verranno fatte sicuramente nella giornata di domani.

Rimane il fatto che quella di domenica è una gara troppo importante per la Roma di José Mourinho, che non arriva certamente tranquilla alla partita, dopo il risultato di ieri sera. In ogni caso, lo Special One, rivoluzionerà la sua squadra: dal primo minuto torneranno tutti i big. E chi ieri ha deluso probabilmente il campo non lo rivedrà mai più fino a gennaio. Quando tutti cercheranno di partire per non perdere un anno a guardare gli altri giocare. Le decisioni, ormai, sono state prese.