Calciomercato Roma, Mourinho svela il futuro degli epurati

Calciomercato Roma, le parole di Mourinho fanno chiarezza circa il futuro dei non pochi giocatori messi da parte dopo l’infelicissima parentesi con il Bodo Glimt.

José Mourinho
José Mourinho ©GettyImages

Il mister giallorosso ha toccato tutta una serie di interessanti spunti durante la conferenza stampa immediatamente successiva alla partita con il Napoli. La gara con i partenopei si è conclusa sul risultato di 0 a 0, a termine di una prestazione attenta quanto dispendiosa che ha permesso allo Special One di rallentare l’ascesa degli uomini di Spalletti.

I tifosi, che hanno risposto presente nonostante il 6 a 1 di giovedì scorso, si attendevano una reazione dopo i due scacchi consecutivi e le non poche polemiche catalizzate dalla vicenda Orsato prima e l’infelice impatto delle seconde linee nella trasferta europea.

Proprio relativamente alla scelta di non portare in panchina i tanti elementi distintisi per la prestazione scandalosa in Conference League, Mourinho ha rilasciato delle interessantissime dichiarazioni.

Leggi anche —> Roma-Napoli, Mourinho espulso: “Vi spiego cosa è successo”

Calciomercato Roma, Mourinho svela tutto sul futuro di Borja Mayoral e degli altri “esuberi”

Borja Mayoral, Mourinho e Smalling
Borja Mayoral, Mourinho e Smalling ©Getty Images

Da inizio anno il portoghese si è distinto per una particolare gestione delle risorse dello scacchiere, volta a sfruttare principalmente 12 o 13 elementi e concedendo pochissime occasioni a chi, a sua detta, non sia all’altezza di poter giocare con questa maglia.

Nonostante ciò, forte anche dei 6 punti agguantati fino a quel momento, l’ex Tottenham ha voluto concedere una chance ai non pochi elementi finiti ai margini del progetto contro il Bodo Glimt. Dopo la bruttissima figura fatta, come detto, gran parte della squadra scesa in campo in Norvegia è rimasta in tribuna quest’oggi. Questo il commento di José a riguardo.

“Sui ragazzi in tribuna mi limito a dire che sono loro a decretare se debbano giocare o meno, non io.  Dipende da come dimostrano di comportarsi quando hanno la possibilità di essere schierati. Il calcio è un po’ crudele, con tutti. Non sono giocatori che hanno chiuso con me. Domani è un altro giorno e c’è sempre la possibilità di ripartire”.