Calciomercato Roma, primo regalo per Conte | Via libera Pinto

Calciomercato Roma, il primo colpo del Tottenham potrebbe avere un’ingerenza non indifferente sui piani dei capitolini.

Roma
Mourinho ©LaPresse

L’approdo dell’ex Inter sulla panchina degli Spurs potrebbe cambiare di non poco le sorti del club anglosassone, chiamato ad un’inversione di tendenza che, proprio dopo l’esonero di Mourinho, Nuno Espirito Santo non era stato in grado di garantire. Il leccese, in quanto a risultati e pragmatismo è una garanzia, purché gli vengano date le giuste risorse e ne siano assecondate le volontà.

Ciò che però maggiormente interessa nella Capitale dell’attuale situazione in oltremanica è lo scenario nato in questi giorni relativo al centrocampo. Le migliorie da apportare a questa regione di campo rappresentano da tempo una vera e propria priorità e le prossime operazioni del Tottenham, proprio nella regione di raccordo tra difesa e attacco, potrebbe coadiuvare Tiago Pinto.

Quest’ultimo è da mesi alla ricerca di un profilo che possa fare al caso delle richieste dello Special One, purché arrivi a condizioni sostenibili per un club che, seppur anelante ad una celere risalita, ha dimostrato nell’ultimo biennio di essere ancora lontano dai top team della Serie A.

Leggi anche –> Calciomercato Roma, sfida all’Inter per il terzino | Affare “promozione”

Calciomercato Roma, Kante al Tottenham avvicina Winks?

Calciomercato Roma
Harry Winks ©LaPresse

Stando a quanto riferito da Calciomercatoweb, il tecnico del Tottenham avrebbe individuato in Kanté il rinforzo ideale per il centrocampo della sua nuova squadra. L’ex Leicester non necessita di presentazioni e, dopo 5 anni in Blues, potrebbe cambiare casacca ma non città. Il numero 7 fu proprio un’esplicita richiesta di mister Conte, all’epoca allenatore del Chelsea.

Ciò che però maggiormente interessa la Roma è l’influenza che questo scenario potrebbe avere sui piani di Pinto e adepti. Questi, infatti, hanno recentemente seguito, tra i tanti, anche Harry Winks. Il classe 1996 è stato già allenato da Mourinho e ha fin qui disputato solo 6 partite con gli Spurs. Un numero difficilmente destinato ad aumentare se l’operazione su descritta si concretizzerà.

La sua voglia di tornare a giocare con continuità, unitamente alla stima nutrita nei suoi confronti dallo Special One e la necessità di rinforzi per quest’ultimo sembrano delineare uno scenario dai giusti presupposti. Come però insegnatoci dalle tante vicende succedutesi in questi mesi, i parametri e i tasselli da far combaciare sono molti. Starà al gm portoghese e ai suoi colleghi provarci. Gennaio è alle porte!