Mourinho e la Juventus, Pistocchi sgancia la bomba

Il giornalista sportivo Maurizio Pistocchi non risparmia toni polemici nel commentare la Serie A dopo la giornata di ieri.  

L’annuncio dell’arrivo di José Mourinho sulla panchina della Roma, nel maggio scorso, aveva incendiato l’ambiente giallorosso. Lo Special One, uno degli allenatori più importanti del mondo, rappresenta bene le ambizioni che la proprietà di Dan e Ryan Friedkin ha per la Roma. Ambizioni importanti, che puntano a rendere il club giallorosso stabilmente competitivo ai più alti livelli.

roma mourinho pistocchi juve
José Mourinho ©LaPresse

Per farlo, però, occorre tempo. Il modello scelto dalla proprietà e dalla dirigenza è quello di un percorso di crescita sostenibile. Non è un caso che Mourinho abbia firmato un contratto di tre anni: alla fine di questo triennio, nei piani della Roma, il livello generale del club dovrà essere cresciuto in maniera significativa. Sia dal punto di vista tecnico che da quello economico.

LEGGI ANCHE: Roma, agente Felix non ha dubbi: “Mi ricorda un altro giocatore di Mourinho”

Roma, Pistocchi duro | “Per i media il bollito è lui”

Eppure sembra che sia folta la platea di coloro che non aspettano altro che una qualsiasi occasione per criticare il lavoro che si sta portando avanti nella Capitale. Sarà l’attenzione mediatica derivante dalla presenza di Mourinho, ma le critiche rivolte alla squadra e all’allenatore sembrano, il più delle volte, immotivate e pretestuose. D’altra parte, come sottolinea oggi Maurizio Pistocchi in un tweet, nonostante le molte difficoltà la Roma sta facendo meglio di autorevoli e più accreditate rivali.

I giallorossi sono quinti, con 22 punti. Uno score che è il risultato di un percorso segnato da alcune problematiche – la rosa da rinforzare è un’evidenza – e da non pochi errori arbitrali. Nonostante tutto, José Mourinho dopo tredici giornate di Campionato ha un punto in più della Juventus e della Lazio: contro entrambe, per altro, la Roma ha perso in match fortemente condizionati da decisioni arbitrali quanto meno discutibili. Insomma, in tanti continuano a dare a Mourinho del bollito, ma lo Special One sa ancora come si fa.