Roma, c’è un Cassano nel futuro | Valanga di gol per il grande salto

La Roma riprende oggi gli allenamenti dopo la giornata di riposo concessa ieri da José Mourinho. Nel futuro giallorosso, però, c’è un nuovo Cassano.

Numero 18 sulla maglia giallorossa, il nome scritto poco più in alto non lascia spazio a dubbi: Cassano. Un salto nel tempo, che riporta alla mente dei tifosi giallorossi gli anni in cui il talento di Bari Vecchia formò con Francesco Totti una coppia offensiva dal tasso tecnico probabilmente irripetibile. Eppure, vedere in azione Cassano con la maglia giallorossa non serve una macchina del tempo, né uno sforzo che ci faccia rivedere i suoi numeri e le sue giocate all’epoca della sua permanenza alla Roma. Cassano è un calciatore della Roma oggi, e sulle spalle porta ancora quel numero 18.

roma cassano
José Mourinho ©LaPresse

Ovviamente non vi stiamo raccontando di un clamoroso ritorno in campo di Antonio, protagonista ormai del mondo social e dell’opinionismo sportivo. Il Cassano a cui ci riferiamo si chiama Claudio, è nato nel luglio del 2003 (all’epoca Antonio vestiva il giallorosso già da due anni) ed è una giovane punta della Primavera giallorossa di Alberto De Rossi. Un caso di omonimia che dalle parti di Trigoria non può passare inosservato. E che suscita inevitabilmente ricordi ed emozioni.

Roma, un Cassano nel futuro | Sulle spalle la maglia numero 18

Anche lui pugliese, Claudio Cassano è nato a Trani ed ha iniziato la sua attività calcistica da bambino nelle file dell’Apd Brasilea Barletta. Crescendo, arrivano le prime proposte. E Claudio sposa quella del Bisceglie, che punta su di lui inserendolo nella rosa della squadra Under15. Prestazioni brillanti e ottime capacità fanno sì che ben presto l’attenzione attorno a Cassano cresca, con diversi club che nel tempo si interessano a lui. Ci provano diverse squadre, la più convinta sembra il Parma, che per un periodo lo mette in prova nel proprio settore giovanile.

claudio cassano
Claudio Cassano ©LaPresse

Alla fine, però, la spunta la Roma. Decisivo, come spiega La Repubblica, il ruolo del capo dello scouting giallorosso nel sud Italia Palmieri. E’ lui a credere con forza nel futuro giallorosso di Cassano ed è lui a spingere per portarlo nella Capitale. Prima dell’approdo alla Roma, Claudio aveva sostenuto un provino a Vinovo, per la Juventus, ed era stato cercato anche dalla Lazio: scartato per via dell’altezza. La statura, però, non gli ha impedito di mettere in mostra le sue qualità. Cassano è un’ala sinistra, capace di giocare anche come trequartista e di ricoprire diverse posizioni del reparto offensivo. E dopo le annate importanti con l’Under16 (oltre 20 gol) e l’Under17 giallorossa (12 reti in 15 presenze), De Rossi gli sta via via concedendo sempre più spazio in Primavera.