Calciomercato Roma, cessione Zaniolo: 30 milioni per il sostituto

Calciomercato Roma, il talento spagnolo può arrivare davvero. Pinto studia il piano per battere Milan e Juventus. Tutti gli aggiornamenti.

Per migliorare la rosa di Mourinho servirà sicuramente operare con grande lungimiranza e attenzione, consegnando allo Special One le pedine giusta ma rispettando al contempo anche quelle che sono le volontà e le necessità dei Friedkin ai fini di un pieno equilibrio a livello finanziario, fondamentale per la sanità di una società.

Calciomercato Roma
Tiago Pinto e Ryan Friedkin ©LaPresse

Allo stesso tempo, come emerso anche a più riprese durante questo campionato, la Roma ha bisogno di determinati giocatori in alcune regioni di campo. Al di là di quello che può essere stato fin qui il peso dell’assenza di un mediano richiesto a gran voce dal mister da circa un anno a questa parte, i giallorossi hanno palesemente bisogno anche di nuovi giocatori che possano fare la differenza.

Calciomercato Roma, sacrifico Zaniolo per arrivare a Marco Asensio

Calciomercato Roma
Marco Asensio ©LaPresse

La qualità a disposizione di Mourinho di certo non manca. Basti pensare ad Abraham (a detta del mister con ancora tanti margini di miglioramento), a capitan Pellegrini oppure a Nicolò Zaniolo. Se il futuro dei primi due sarà quasi certamente nella Capitale, per il 22, come da tempo saprete, bisogna ancora capire il da farsi.

L’ex Inter è sicuramente un patrimonio per i capitolini ma potrebbe essere sfruttato da Tiago Pinto anche per concretizzare un’importante plusvalenza, senza perdere di vista l’obiettivo di acuire risorse e capacità tecniche delle pedine di Josè. In quest’ottica, riportiamo quindi dell’importante news di mercato firmata Calciomercatoweb.it.

A loro detta, infatti, a Trigoria si starebbe valutando di vendere Zaniolo a circa 50 milioni di euro, investendo poi circa il 60% di questi introiti per arrivare a Marco Asensio. Ormai in uscita dal Real Madrid, il numero 11 piace anche a Milan e Juventus ma la prassi ideata da Pinto e il rapporto tra Mourinho e Jorge Mendes (entourage del fantasista iberico) renderebbe la trattativa tutt’altro che utopistica.