Voti Leicester-Roma 1-1, Pellegrini e Zalewski scintillanti | Doppia bocciatura

Voti Leicester-Roma: si è chiusa l’andata della semifinale di Conference League: ecco l’analisi della prestazione fornita dai giallorossi.

Terminata da pochi istanti la sfida d’andata tra Leicester e Roma, che ha visto i giallorossi e le Foxes impattare sul risultato di 1-1.

Pagelle Leicester-Roma
Pellegrini ©LaPresse

Proprio il “Capitano” si prende gli onori della ribalta con un’altra prestazione scintillante: freddissimo a tu per tu con Schmeichel, dopo la grande intuizione di Zalewski, che sulla corsia mancina ha fatto il bello e il cattivo tempo, molto attento in tutte e due le fasi. Il 59′ gioca ormai da veterano: sfacciato dalla cintola in su, preziosissimo nel suo lavoro difensivo, quando le Foxes hanno provato a spingere il piede sull’acceleratore. Impossibile non menzionare l’attenzione e l’abnegazione con la quale Smalling è riuscito a tenere su il muro difensivo giallorosso: semplicemente perfetto il centrale inglese, puntuale in ogni sua chiusura.

Voti Leicester-Roma, Zaniolo e Karsdorp flop

Zaniolo Leicester-Roma Pagelle
Nicolò Zaniolo©LaPresse

Passiamo ora alle note dolenti. Dopo un primo tempo dignitoso, nella seconda frazione di gioco Nicolò Zaniolo non è riuscito a rendersi pericoloso, anzi. L’esterno di Mou ha rischiato di peggiorare la sua situazione con un paio di ingenuità clamorose, che gli “costano” la sufficienza. Mai incisivo, abulico e poco pericoloso, Karsdorp non è mai stato in grado di sfondare sulla corsia destra. Fino al goal, Mancini ed Ibanez avevano giganteggiato in area di rigore; buona anche la prova di Abraham, prezioso sia in versione assist man, ma utile anche a sventare un paio di situazioni intricate in fase difensiva. Positiva la prestazione di Cristante, che ha dato sempre la sensazione di fare

ROMA (3-5-2) Rui Patricio 6; Mancini 6, Smalling 8, Ibanez 6,5; Karsdorp 5,5, Cristante 6,5, Mkhitaryan 7 (’57 Veretout 6 , Zalewski 8 (’85 Vina s.v.); Pellegrini 8 (’85 Felix s.v.) ; Zaniolo 5 (’69 Sergio Oliveira 6,5), Abraham 7.