Calciomercato, accordo totale con Mourinho: “Ecco cosa è successo”

Calciomercato, accordo totale con Mourinho, che lo voleva e che lo aveva già preso. “Ecco cosa è successo”: i motivi dell’operazione saltata

L’accordo era praticamente totale. Serviva solamente un ultimo tassello, non relativo a quella che era ormai l’intesa trovata con la società, ma di altra natura. Cose extracalcistiche, che non hanno permesso al giocatore di unirsi a José Mourinho, che lo voleva nella sua squadra, e che lo avrebbe accolto a braccia aperte. Ma le regole sono regole, ferree in questo caso.

Calciomercato
Mourinho ©LaPresse

La situazione è relativa a Hulk, l’attaccante brasiliano che era a un passo dal Tottenham proprio quando Mou sedeva sulla panchina degli Spurs. A parametro zero, dopo degli anni in Cina, lo Special One aveva deciso di prendere il calciatore per rinforzare il proprio pacchetto avanzato. Ma non se ne fece nulla: problemi di visto per lavorare in Inghilterra.

Calciomercato, Mourinho voleva Hulk

Hulk, attaccante brasiliano ©LaPresse

La burocrazia quindi ha fermato questa trattativa. Nel libro che l’attaccante brasiliano ha pubblicato – 35 anni adesso per Hulk che gioca nell’Atletico Mineiro – svela anche i motivi dello stop a questa occasione importante per la sua carriera poi sfumata: “Servivano delle recenti convocazioni da parte della nazionale brasiliana e aver giocato in alcuni dei cinque campionati più importanti del Mondo: Italia, Spagna, Germania, Inghilterra e Francia era alcuni di questi” ha sottolineato.

Insomma, Mou lo voleva, lo aveva preso, ma la richiesta di documenti extra non hanno permesso di vedere insieme una coppia – che per personalità e carisma – avrebbe potuto regalare delle enormi soddisfazioni ai tifosi. E anche ai giornalisti che avrebbero sicuramente visto da vicino due “prime donne”, pronte a dare battaglia. Chissà come sarebbe successo.