Calciomercato Roma, 80 milioni per Abraham: prezzo accettato

Calciomercato Roma, 80 milioni per Abraham. Le ultime dall’Inghilterra relative al bomber di Mourinho, prelevato dal Chelsea meno di un anno fa e fin qui autentico leader e trascinatore tecnico.

In un’estate caratterizzata dall’entusiasmo per l’arrivo di Mou ma non mancante di preoccupazioni legate al mancato approdo di un mediano, Tammy Abraham rappresentò lo scorso anno il vero e proprio scossone di fine mercato, in grado di aizzare ulteriormente l’ambiente e aggiungere pepe ad una piazza trepidante per la prima stagione dello Special One all’ombra del Colosseo.

Calciomercato Roma
Tammy Abraham ©LaPresse

Quest’ultima non è stata, per dirla con una sua stessa espressione, “mostruosa” ma ha fin qui permesso ai giallorossi di controbilanciare le diverse delusioni di inizio stagione con emozioni e gioie di non poco conto e che Roma tutta (la parte più bella e colorata si intende, chiaramente) si augura possano toccare l’acme il prossimo 25 maggio.

Ritornando al bomber di Camberwell, si può dire senza alcun dubbio che questo sia stato fin qui tra gli elementi non solo più rappresentativi ma anche più importanti in termini di contributo tecnico in questi mesi. Sostituire un campione come Edin Dzeko non era facile, così come tutt’altro che semplice era per il numero 9 dire goodbye alla Premier League per mettersi in gioco in un campionato totalmente diverso.

Calciomercato Roma, Abraham vale 80 milioni: la ricostruzione dall’Inghilterra

Calciomercato Roma
Tammy Abraham ©LaPresse

Quel ragazzo con la 9 sulle spalle e che sorride a tutti i tifosi, concedendo selfie a bambini o adulti in stazione o a Trigoria, ha però dimostrato di avere carattere non solo con la scelta fatta ad agosto ma anche con l’atteggiamento di grande maturità e coinvolgimento fin qui sciorinato. Impossibile che il suo apporto non catalizzasse le nobili attenzioni europee, così come osservato da Football.London.

Le penne del portale britannico sottolineano come Tammy possa rappresentare il rincalzo ideale per l’Arsenal di Areta, che lo aveva seguito proprio in quelle stesse settimane in cui iniziavano i primi dialoghi sulle differenza tra l’uggiosa Londra e la soleggiata Roma con José Mourinho. Abraham, scrivono in Inghilterra, sarebbe perfetto non solo in termini realizzativi ma anche per l’aiuto che garantirebbe alla manovra.

A ciò aggiungono la maturità palesata in meno di un anno, la limatura di alcune caratteristiche sotto l’egida di Mou e la grande conoscenza della Premier, oltre che la capacità di inserirsi felicemente in una squadra ricca di elementi che possano felicemente coesistere con le sue caratteristiche.

L’articolo si conclude sottolineando come la Roma potrebbe chiedere non meno di 68 milioni di sterline, l’equivalente di 80 milioni di euro. Una cifra a dir poco importante ma che resta frutto di una supposizione (o se preferite, ricostruzione) squisitamente anglosassone e tutt’altro che condivisa all’ombra del Colosseo, laddove sembra essere il futuro prossimo del gigante londinese innamoratosi di una città entratagli subito nel cuore.