Roma-Feyenoord, la decisione su Mkhitaryan e il ballottaggio di Mourinho

Roma-Feyenoord, ecco qual è la decisione su Mkhitaryan. E c’è anche un ballottaggio per José Mourinho. Le ultime in casa giallorossa

Mourinho avrebbe preso una decisione su Mkhitaryan. Sì, l’armeno  che è tornato ad allenarsi con la squadra, sembra essersi messo alle spalle il problema muscolare che lo ha messo ko nel secondo tempo della semifinale d’andata contro il Leicester. I tempi sono maturi per un rientro in campo dal primo minuto. E lo Special One non ha nessuna intenzione di non schierare uno dei migliori in questa stagione.

Roma-Feyenoord
Mkhitaryan ©LaPresse

Sì, Micki non ha sicuramente i novanta minuti nelle gambe, ma la sensazione è che dovrebbe comunque partire dall’inizio e poi fare spazio a Zaniolo nella seconda parte di gara. Troppo importante per qualità, dinamismo, ed esperienza l’armeno: imprescindibile nello scacchiere tattico del portoghese. Che potrebbe anche decidere di abbassarlo sulla linea mediana del campo al fianco di Cristante, lui sì sicuro di una maglia da titolare.

Roma-Feyenoord, le scelte dello Special

Calciomercato Roma
José Mourinho ©AnsaFoto

Sono due le alternative per Mou: o schierare Micki alle spalle di Abraham oppure abbassarlo. Nella prima delle ipotesi allora in mezzo al campo spazio a Oliveira al fianco dell’ex Atalanta con Veretout che si dovrebbe accomodare di nuovo in panchina. Nella seconda delle ipotesi – secondo la Gazzetta dello Sport – allora si aprirebbero spiragli per una maglia da titolare da regalare a Zaniolo. Ma appare questa una scelta ancora più coraggiosa da fare, soprattutto sapendo che l’armeno non ha i novanta nelle gambe e che non potrà giocare tutta la partita. Nonostante l’infortunio ormai sembri solamente un brutto ricordo, è sempre al rientro dopo un mese di stop.

Non ci sono dubbi invece per le altre zone del campo: il pacchetto arretrato sarà formato da Mancini, Smalling e Ibanez che giocheranno ovviamente avanti a Rui Patricio. Maglia da titolare certa anche per Karsdord da un lato e Zalewski dall’altro, con Cristante, Pellegrini e Abraham a completare il pacchetto di uomini certi che scenderanno in campo dal primo minuto.