Calciomercato Roma, Abraham e quella promessa a Mou: futuro già scritto

Calciomercato Roma, tutti pazzi per Abraham: i giallorossi, però, hanno le idee a riguardo. La promessa fatta a Mou certifica tutto.

La decisione repentina da parte della Roma di sostituire Edin Dzeko con Tammy Abraham ha subito pagato: l’attaccante inglese ha terminato la stagione mettendo all’attivo 26 reti, impreziositi da 5 assist, che hanno indubbiamente contribuito a gettare basi importanti in vista di una costruzione di una compagine ad immagine e somiglianza di José Mourinho.

Calciomercato Roma Abraham
Tammy Abraham ©LaPresse

E proprio il feeling subito instaurato con lo Special One, che lo ha immediatamente posto al centro del suo progetto, facendone il centravanti boa e il terminale letale delle manovre offensive giallorosse, si rivelerà decisivo quest’estate. Il motivo? Secondo quanto riportato da “Il Corriere dello Sport“, almeno tre squadre inglesi hanno bussato alla porta della Roma per provare a capire l’eventuale fattibilità dell’operazione Abraham: due di queste sono il Manchester United e l’Arsenal. Lo “Special One”, però, non ha alcuna intenzione di lasciar partire il proprio gioiello, e non permetterà a nessuna squadra di avvicinarsi al bomber.

Calciomercato Roma, Abraham intoccabile: Premier avvisata

Abraham Roma Calciomercato
Tammy Abraham ©LaPresse

A meno di clamorosi colpi di scena con annesse offerte da capogiro, dunque, il futuro di Abraham sarà ancora alla Roma, almeno fino al 2023, quando poi il Chelsea potrà decidere, eventualmente, di esercitare il proprio diritto al riacquisto, sborsando 80 milioni di euro. Non è un caso, ad esempio, che Tiago Pinto stia lavorando per provare a portare nella Capitale un calciatore che possa fungere da spalla di Tammy: in questi giorni, sta circolando con sempre più insistenza il profilo di Dries Mertens, che non ha ancora rinnovato il suo contratto con il Napoli e per il quale potrebbero crearsi i presupposti per un vero e proprio testa a testa con la Lazio. Insomma, il futuro di Abraham è scandito: la Roma e soprattutto José Mourinho vogliono affidarsi nuovamente agli strappi, alla fisicità, alla tecnica e alle giocate ad altissima velocità di quella che può definirsi la rivelazione più fulgida della scorsa stagione. Premier avvisata: Abraham non si tocca.