Calciomercato Roma, pressing Pinto: countdown per il sì

Calciomercato Roma, pressing Pinto per il colpo in mezzo al campo. Ormai è scattato il countdown per il sì definitivo

Dopo Matic pronto il secondo colpo il mezzo al campo per la Roma di Pinto. Che ha alzato il pressing, andando a “prendere alto” il Sassuolo di Carnevali per il ritorno di Frattesi a Trigoria. Incassato, da tempo, il sì del giocatore, adesso scatta il conto alla rovescia per quello del Sassuolo. Che ha alzato un muro, senza dubbio, ma che il gm portoghese è pronto ad abbattere.

Calciomercato Roma
Tiago Pinto ©LaPresse

La richiesta di 35 milioni da parte dei neroverdi è subito sembrata eccessiva alla Roma che ha cercato di limare le pretese. Non prima di avere detto chiaramente alla società emiliana che mai avrebbe speso quella cifra e che se qualora, riuscissero a venderlo in quel modo, non ci sarebbe stata nessun’altra possibilità che versare i 10 milioni di euro che ai giallorossi spetterebbero. Insomma, Carnevali è stato messo alle corde. E starebbe per cedere.

Calciomercato Roma, pressing Pinto

calciomercato Roma
Davide Frattesi ©LaPresse

La Roma è arrivata a offrire – secondo Il Romanista – 20 milioni di euro complessivi, compreso il cartellino di un giocatore. La richiesta del Sassuolo è scesa sensibilmente in tutto questo tempo a 27 milioni di euro. Insomma, le parti si sono avvicinate e anche parecchio e la volontà del giocatore alla fine potrebbe decisamente fare la differenza in questo contesto. Il primo passo, insomma, Pinto lo ha fatto. Si attende ormai quello di Carnevali che ha capito che, a certe cifre, sarà impossibile cedere Frattesi. E siccome c’è, come detto, quel 30% da versare nelle casse giallorosse, anche agli emiliani, alla fine, starebbe comodo chiudere in questo modo.

Countdown insomma, per una trattativa lunga che sembrava nei giorni scorsi a un passo dalla svolta definitiva. Così non è stato, è evidente. Ma ormai ci siamo quasi. Frattesi potrebbe essere davvero – sarà – il secondo colpo in mezzo al campo per Mourinho.