Calciomercato Roma, prepotente ritorno di fiamma: 40 milioni

Calciomercato Roma, è ritornato in auge un profilo per l’attacco: servono 40 milioni di euro per portarlo in giallorosso.

Dopo aver regalato a José Mourinho un vice Karsdorp come Celik, e un metronomo davanti alla difesa come Matic, le attenzioni di Pinto sono rivolte non solo all’acquisto di un calciatore come Frattesi abile negli inserimenti e capace dunque di creare la superiorità numerica con le proprie sortite, ma anche di un attaccante che possa ben interscambiarsi con Tammy Abraham, costretto in alcune circostanze agli straordinari, nella stagione che si è appena conclusa.

Calciomercato Roma Ramos
Tiago Pinto ©LaPresse

In quest’ottica, non sono pochi i profili attenzioni dal General manager dei giallorossi, che comunque non perde di vista l’evolvere della situazione Guedes: il Valencia ha bisogno di soldi freschi per far ufficialmente partire il proprio mercato, e l’esterno lusitano sembra il principale indiziato a lasciare “I Pipistrelli”. Tuttavia, Pinto è tornato ad accendere i riflettori anche su Gonçalo Ramos, attaccante in forza al Benfica.

Calciomercato Roma, Ramos ritorna in auge: servono 40 milioni

Calciomercato Roma Ramos
Gonçalo Ramos ©LaPresse

Quest’oggi si è vociferato della possibilità di imbastire una trattativa con il club portoghese provando ad inserire Carles Perez come parziale contropartita tecnica. In realtà, secondo quanto riferito da Teleradiostereo, il Benfica per lasciar partire il proprio gioiello chiederebbe non meno di 40 milioni di euro, forte anche della situazione contrattuale concernente, legato a Las Águias da un contratto in scadenza nel 2026. Il classe ‘2001 è reduce da una stagione positiva, impreziosita da 8 reti e 4 assist. Seconda punta rapida ed incisiva, abile nello stretto ma capace anche di tenere botta fisicamente, Ramos è un profilo che potrebbe adattarsi molto bene allo scacchiere tattico di Mou, esaltando le qualità di Tammy Abraham, con il quale andrebbe a formare un tandem assolutamente esplosivo. Il condizionale, però, è assolutamente d’obbligo, dal momento che il Benfica è per tradizione bottega cara, e non si priverà a cuor leggere di uno dei suoi gioielli più fulgidi.