Roma, OPA raggiunta: ennesima vittoria dei Friedkin

Roma, raggiunto l’obiettivo dopo l’OPA lanciata dalla famiglia Friedkin. Un altro passo, stavolta decisivo, verso il delisting completo.

Nuovo capolavoro a firma famiglia Friedkin. L’OPA, l’Offerta Pubblica d’Acquisto lanciata settimane fa, ha raggiunto il suo obiettivo finale. L’estate giallorossa regala un nuovo passo in avanti per la proprietà statunitense della Roma. Nell’ultimo anno i Friedkin hanno stupito tutti, con diversi colpi di scena che hanno rilanciato le ambizioni della squadra giallorossa. In primis l’ingaggio in panchina di Josè Mourinho, che ha regalato un trofeo europeo dopo quattordici anni di digiuno. Nei giorni scorsi l’ingaggio a parametro zero di Paulo Dybala e le belle sorprese non sono finite qui.

Roma OPA
Ryan Friedkin © ANSA foto

L’OPA lanciata dalla proprietà Friedkin è andata in porto nell’ultimo giorno disponibile. Raggiunto l’obiettivo fissato dell’acquisizione del 95% delle azioni societarie. Ora per regolamento tutti gli azionisti dovranno cedere le quote restanti ed il delisting dalla borsa potrà diventare realtà. Nuova vittoria dei Friedkin, che nel giro di pochi mesi in casa Roma hanno regalato ai tifosi diverse gioie. La più recente è quella che riguarda l‘affare Dybala, ufficializzato giorni fa tra l’ entusiasmo generale dei tifosi. Ora un nuovo obiettivo raggiunto all’ultima curva, l’OPA ha avuto esito positivo.

Roma, OPA raggiunta: ennesima vittoria dei Friedkin

Roma OPA
Josè Mourinho bacia la Conference League ©LaPresse

Nuovo trionfo targato proprietà Friedkin. Ora il delisting dalla borsa è sempre più vicino, secondo quanto rilanciato da Milano Finanza la fuoriuscita dalla borsa potrà concretizzarsi entro fine agosto. Non è stata un’operazione semplicissima quella condotta dai Friedkin, da inizio maggio l’OPA venne lanciata e vide due proroghe per raggiungere l’obiettivo. Target raggiunto proprio nell’ultimo giorno disponibile, dopo l’arrivo di Mourinho, la vittoria della Conference League e la firma di Paulo Dybala la famiglia statunitense può brindare ad un nuovo traguardo. Senza dimenticare i passi in avanti importantissimi sulla questione stadio.