Roma, l’annuncio di Wijnaldum: “Ecco perché sono qui” | LIVE

Roma, ecco le prime parole di Wijnaldum in conferenza stampa. L’annuncio del centrocampista olandese: “Ecco perché sono qui”

Prime parole in giallorosso per Gini Wijnaldum, ultimo acquisto della Roma di José Mourinho. Il centrocampista olandese ha già debuttato domenica scorsa nell’ultima amichevole precampionato davanti ad un Olimpico strapieno che lo ha acclamato. Ora invece è il momento della presentazione ufficiale alla stampa. Qui, le sue parole, live.

Roma
Wijnaldum ©AnsaFoto

Ad aprire le danze ci ha pensato Pinto, che ha spiegato che adesso è il momento per Wijnaldum di mettersi a disposizione della squadra.

“Ecco le prime parole di Wijnaldum: “Non ho fatto la preparazione fisica estiva come volevo. Ho lavorato duro con il gruppo e poi anche a parte. Mentalmente sono pronto e preparato per giocare domenica. Adesso è difficile dire se potrò giocare. Però sentiremo il parere dei medici e poi sarà il mister a prendere una decisione. Io mi metto sempre a disposizione”.

“Difficile dire e definire il centrocampista perfetto. Chiaro che al Liverpool quello stile di gioco mi si addiceva bene. Quindi lì sì. Per un’altra squadra non lo so. Ma se Klopp dice che sono il migliore sono lusingato. Lavorerò per essere il centrocampista perfetto per la Roma”.

“Ho scelto la Roma per lo sforzo che ha fatto per prendermi e portarmi qui. Poi ho interpellato Salah e Strootman e me ne hanno parlato in tempi assai entusiasti. Anche Hakimi, che non ha mai giocato nella Roma, mi ha detto che sarei stato felice. Ho giocato all’Olimpico con il Liverpool e ho visto l’atmosfera. Fantastico. Tifosi meravigliosi. Ma a tutti quelli a cui ho chiesto consiglio me ne hanno parlato bene. Mi sono sentito apprezzato e voluto”. 

Roma, la conferenza di Wijnaldum

Calciomercato Roma
Wijnaldum a Ciampino © AsRomaLive.it

“Sono arrivato in una squadra con degli ottimi calciatori. Da come intende giocare la Roma, in mezzo al campo, credo che le mie caratteristiche si addicano perfettamente a quella che è l’idea. Si necessità, ovviamente, di una situazione fisica ottimale. Spero che il nostro possa essere un matrimonio, un incastro perfetto”.

“Ritengo sia sempre importante partire bene, ma soprattutto essere regolari durante la stagione. Bisogna crescere come squadra durante la stagione, anche se sarà difficile visto che il Mondiale sarà in inverno. Ci potrebbero essere delle difficoltà. Con il mister ci siamo sentiti quando la trattativa era in una fase avanzata. Non ha dovuto fare nulla per convincermi. Quando sono arrivato abbiamo parlato di calcio. La sua bacheca parla per lui e qualsiasi giocatore vorrebbe lavorare. Le sue parole, sicuramente, mi hanno aiutato poi alla fine a scegliere questo club. Anche se ormai la trattativa era ormai in stato avanzato”.

“L’impatto con l’ambiente è stato straordinario. Speciale. Sapevo che avrei trovato una bella atmosfera perché ci avevo giocato, ma questo benvenuto mi ha lasciato stupito e sbalordito. Questo calore mi ha sorpreso. Quello che hanno fatto per me e per la squadra è stato unico. In quanto ai compagni di squadra il giorno in cui sono arrivato ho avuto dele buonissime sensazioni e anche loro hanno dimostrato di essere contenti che io sia arrivato. E questo è importante anche per un giocatore, sapere di essere ben voluto. Tutti molto cordiali, anche in allenamento. Quindi sensazioni molto buone”.