Caos Dazn e rimborso ai tifosi: tutte le cifre

Caos Dazn e rimborsi. Di seguito tutte le informazioni e aggiornamenti in seguito ai problemi riscontrati nel primo weekend di Serie A.

Il ritorno del campionato italiano non è stato felicissimo per diversi tifosi sul fronte fruizione. In una fase in cui si registra da tempo il malcontento per le mutate modalità di trasmissione e abbonamenti per poter seguire competizioni italiane ed europee, quanto accaduto in occasione del primo weekend calcistico ha suscitato non poche polemiche e lamentele.

Dazn
Dazn ©LaPresse

Già durante la scorsa stagione si erano verificate problematiche in occasione della trasmissione di determinate gare, seppur in proporzioni e durate molto meno importanti rispetto a quelle registratesi la scorsa domenica. Dopo qualche piccola problematica sabato sera, la trasmissione delle due gare serali dello scorso 14 agosto è stata a dir poco compromessa. Tantissime le lamentele da parte di utenti che non abbiano potuto seguire Salernitana-Roma o Spezia-Empoli se non tramite il link provvisorio generato in modo emergenziale da DAZN.

Rimborsi Dazn ai tifosi: tutte le cifre e modalità

Dazn
Dazn ©LaPresse

Resta da comprendere adesso quali potranno essere le conseguenze di quanto accaduto, soprattutto alla luce della richiesta dell’AgCom di rimborsare i tifosi attraverso modalità semplificate. La stessa Lega preme affinché si segua questa direzione, al netto della consapevolezza che la disponibilità di Dazn su tale fronte sia da commisurarsi con il fatto che i clienti totali rasentino i 2 milioni di unità. Ad oggi, la grande certezza risiede nelle condizioni già diramate in passato circa modalità e cifre di rimborso.

L’abbonato ha infatti diritto al risarcimento in caso di almeno cinque tentativi falliti di accesso al servizio o allo streaming del singolo evento. Il grande intoppo riguarda però la cavillosità burocratica celantisi attualmente dietro le condizioni di rifusione e che si cercherà di superare, alla luce del fatto che basterà risalire alle mail di quanti abbiano usato il link provvisorio per comprendere chi abbia avuto difficoltà nell’accesso alla piattaforma.

Per quanto concerne le cifre, le condizioni prevedono un quarto del canone mensile e dunque rispettivamente 7,49 euro e 10 euro per chi abbia abbonamenti da 29,99 e 39,99 euro.