Calciomercato Roma, Mourinho blinda Zaniolo: annuncio in diretta

Calciomercato Roma, Mourinho esce allo scoperto su Zaniolo e il suo futuro. Di seguito l’estratto del suo commento sulla situazione del 22.

Si è da poco conclusa la seconda conferenza stampa di José che, dopo aver fatto altrettanto già otto giorni fa alla vigilia della sfida con la Salernitana, ha quest’oggi nuovamente dato spettacolo dialettico. Con la solita capacità di comunicazione e franchezza, sono stati plurimi i punti toccati dall’allenatore, a partire dagli encomi nei confronti del cresciuto capitan Pellegrini a quelli sulla possibilità di ingaggiare un giocatore importate come Andrea Belotti.

Calciomercato Roma
Nicolò Zaniolo ©LaPresse

Sottolineando l’importanza e la delicatezza della partita di domani, lo Special ha esaltato anche le capacità della rosa da poco ascesa dalla cadetteria, evidenziandone pregi ed investimenti nel corso della corrente campagna acquisti, sciorinando al contempo tutto il proprio dissenso nei confronti di chi consideri i 90 minuti di domani come semplici o dall’esito scontato. Al netto dell’attenzione catalizzata dalle sue parole sul Gallo o il numero 7, si segnala in particolar modo uno degli spunti finali, incentrato sul futuro di Nicolò Zaniolo.

Calciomercato Roma, annuncio in conferenza su Zaniolo: le parole di Mourinho

Calciomercato Roma
Nicolò Zaniolo ©AnsaFoto

Sappiamo come ormai del 22 si parli da tempo e, ancora, come quest’ultimo sia stato fin qui al centro di numerose discussioni e voci di mercato in seguito agli interessamenti di Juventus e Tottenham e una situazione contrattuale che in quel di Trigoria intenderebbero affrontare a settembre ma che ad oggi ha destato non poca preoccupazione. In attesa di evoluzioni su tale fronte, merita di essere riportata la posizione di José Mourinho sul “bambino d’oro” giallorosso, circa il quale ha così detto.

Riconosco che ha svolto un lavoro importante che gli permette di essere più agile e di sfruttare meglio le caratteristiche del proprio fisico. Il merito è principalmente suo, poi nostro e dello staff che ha permesso lui di allenarsi in un determinato modo. Per quanto riguarda il futuro, dico che è una domanda che andrebbe fatta a lui o al direttore Pinto ma se volete una risposta mi sento di dire che è un giocatore importante per me e per la squadra e che ha assunto una grande centralità nello scacchiere e nella sua regione offensiva. Vorrei restasse“.