Slot e lacrime, ha perso tutto e piange ancora

Roma, Mourinho ha lasciato di nuovo il segno. Il tecnico del Feyenoord Slot parla della finale di Tirana. I segni si sentono ancora

Il tecnico del Feyenoord, nella conferenza stampa di presentazione alla gara di domani contro la Lazio di Europa League, ha parlato della Roma. A mesi di distanza la sconfitta ancora brucia. Mourinho, insomma, ha lasciato di nuovo il segno. Senza se e senza ma. Il tecnico portoghese fa parlare di se nonostante sia passato del tempo.

Roma
Mourinho con la Coppa ©LaPresse

“Non è una squadra tipica italiana, anche l’anno scorso abbiamo dovuto imparare diverse cose. Abbiamo visto che una squadra italiana si buttava sempre per terra e perdeva tempo – ha detto il tecnico degli olandesi riferendosi alla Roma  – se pressiamo alti ci sarà spazio dietro le nostre linee, contro la Sampdoria ho visto un gran gol, molto veloce. La nostra pressione dev’essere importate, non dobbiamo lasciare questi spazi.  Roma e Lazio hanno un’identità forte, se è meglio o peggio lo dirò solamente domani”.

Roma, Slot ancora pensa a Tirana

Arne Slot ©LaPresse

Il gol di Zaniolo non è andato giù per niente. Quella rete che ha spaccato e ha deciso la partita gira ancora nella testa dell’allenatore del Feyenoord. Ed è anche giusto così, vuol dire che ci teneva. Ma la Coppa l’ha portata a casa Mou, l’ha portata a casa la Roma, che ha conquistato la prima Conference League della storia e domani, contro il Ludogorets, avrà un patch speciale sulla maglia per ricordarlo.