Roma-Atalanta, dal doppio giallo al rigore: la moviola dei quotidiani

Durante Roma-Atalanta l’arbitro di Padova non ha assegnato diversi cartellini gialli che avrebbero potuto condizionare la gara

Ieri sera si è conclusa Roma-Atalanta, finita 1-0 per i bergamaschi. Abraham e compagni non sono riusciti a realizzare le diverse occasioni create, soprattutto nel secondo tempo. Dopo la ripresa uno dei giocatori più pericolosi tra i giallorossi è stato senza dubbio Nicolò Zaniolo, che ha messo in difficoltà la difesa avversaria in diverse occasioni. Dopo il suo ingresso in campo, anche Shomurodov ha provato a spaventare Sportiello, entrato al posto di Musso, ma tutti i suoi tentativi si sono conclusi sul fondo.

roma atalanta
Nicolò Zaniolo in contrasto con Caleb Okoli ©LaPresse

Durante la partita ci sono stati diversi episodi dubbi proprio su Nicolò Zaniolo, che hanno causato la rabbia di Mourinho. L’allenatore è stato anche espulso dopo uno di questi episodi, in cui è entrato in campo rimediando il cartellino rosso. Un bel da fare per l’arbitro Chiffi che secondo la moviola del Corriere dello Sport e della Gazzetta dello Sport non avrebbe arbitrato la sua miglior partita. In sospeso, infatti, sono rimasti alcuni provvedimenti mai adottati dal direttore di gara durante i 90 minuti.

Roma-Atalanta, la moviola dei quotidiani: Okoli-Zaniolo era rigore

roma atalamnta
Daniele Chiffi, arbitro di Serie A ©LaPresse

Secondo il Corriere dello Sport la prestazione del fischietto padovano è stata pesantemente insufficiente. Il primo grande dubbio è sul contato tra Demiral e Zaniolo nel primo tempo: la trattenuta è evidente, ma poi Nicolò si ferma. Sulla prima trattenuta poi tra Okoli e il numero 22, il difensore ha calciato il pallone dentro da fallo laterale senza essere sanzionato, i due cadono in area ed è giusto lasciar correre. Nella seconda invece la trattenuta è evidente, ma Zaniolo cade dopo qualche passo: c’era il rigore. Mancano i gialli a De Roon, Mancini, Scalvini e Okoli.

Secondo la Gazzetta dello Sport, l’arbitro è stato insicuro in diverse occasioni, come sulle trattenute di De Roon. Frettoloso il giallo a Maehle, incerti i duelli tra Zaniolo e Okoli.