Calciomercato Roma: “Smalling andrà all’Inter”

Calciomercato Roma, rinnovo automatico e rischio Inter. C’è l’annuncio in diretta che fa chiarezza sulla non poca discussa questione.

Le tante vicende sottintese al Mondiale in Qatar, unitamente alle plurime questioni attualmente tangenti la Juventus, hanno certamente rappresentato alcuni degli argomenti di maggiore discussione in queste settimane di congedo dalla Serie A, soprattutto alla luce dell’importanza che tali vicende potrebbero avere anche in termini di calciomercato e di resa nella seconda parte di campionato dopo Natale.

Calciomercato Roma
Chris Smalling ©LaPresse

Restando in casa giallorossa, ciò che interessa maggiormente ai tifosi della Roma è però il modus operandi di Tiago Pinto, sul quale grava parte delle responsabilità per cercare di risollevare il destino di una squadra che ha reso molto meno rispetto a quelle che erano le preliminari aspettative. L’arrivo a zero di Solbakken nelle scorse settimane garantirà certamente un jolly offensivo importante a José Mourinho.

Calciomercato Roma, futuro all’Inter per Smalling: Camelio fa chiarezza

Calciomercato Roma
Chris Smalling ©LaPresse

L’ex Bodo Glimt non è detto possa rappresentare l’unico rinforzo. Tiago proverà a distinguersi per operazioni che permettano di corroborare ulteriormente la rosa, senza però snobbare altre questioni legate a rinnovi. La situazione Zaniolo rientra certamente tra i discorsi che saranno condotti in quel di Trigoria, pur non rappresentando l’unica. In queste ore diversi aggiornamenti sono arrivati anche su Chris Smalling, sul quale sembra gravare il rischio di un futuro simile a quello di Henrix Mkhitaryan.

Su tale fronte si è però espresso Enrico Camelio a Tv Play, provando così a disambiguare la situazione. “Smalling non ha nessuna clasuola per il rinnovo. Il rinnovo non è automatico ve lo diamo per certo. A Inzaghi piace da una vita e Smalling andrà secondo me all’Inter come Miki. Se Pinto dorme ancora succede la stessa cosa con Mkhitaryan, visto che l’Inter offre due e la Roma uno“.