Rivelazione e dietrofront Mourinho: “Pogba decisivo”

Calciomercato Roma, annuncio e rivelazione su Mourinho da parte del bomber. Tutta la verità.

Come spesso capitato anche in situazioni inerenti il mondo giallorosso, le campagne acquisti sono spesso frutto di incastri e capacità da parte degli addetti ai lavori di saper cogliere le giuste opportunità con le corrette tempistiche. Lo abbiamo visto anche nel corso dell’ultima estate, con un Tiago Pinto bravo a fiondarsi sulle succulenti opportunità Dybala-Wijnaldum, acuendo di non poco lo spessore della squadra giallorossa.

Calciomercato Roma
José Mourinho ©LaPresse

Non poche volte, poi, si è assistito al diffondersi di retroscena e rivelazioni che, seppur a distanza di tempo, hanno permesso di fare grande chiarezza su questioni e trattative passate inizialmente in sordina. Anche in questo caso non mancano esempi più e meno recenti, rappresentati dalle sincere parole di Tiago Pinto speso nelle conferenze stampa di fine anno, durante le quali ha sovente scandagliato determinate questioni di mercato, esponendosi con lucidità e chiarezza.

Retroscena e rivelazione su Mourinho: “Mi ha cercato ma non avevano soldi”

Anche le battute di Francesco Totti nel corso della sua conferenza di addio potrebbero rappresentare l’ennesimo esempio appartenente ad un corpus molto ampio di rivelazioni postume e annunci in grado di fare chiarezza su questioni più e meno lontane. Da tale punto di vista, dunque, non sfugga l’annuncio dell’attaccante di Serie A, Marco Arnautovic.

Calciomercato Roma
Marco Arnautovic ©LaPresse

Pilastro del Bologna e atteso dalla sfida proprio contro Mourinho, il valoroso austriaco ha rivelato un particolare retroscena che lo lega allo Special One, suo allenatore ai tempi dell’Inter. Queste le sue parole a Sport Week.

Mi disse che avevo la testa di un bambino e che non sarei mai cambiato. Se oggi lo incontrassi, gli direi di essere riuscito a cambiare, invece. Mi voleva quando ero al West Ham, quando mi chiese quanto costassi. Gli risposti dicendogli come mai mi volesse ancora. Alla fine non se ne fece nulla: il Manchester United aveva già comprato Pogba e non aveva abbastanza soldi per me”.