Terremoto Juve, li “cacciano via” per colpa di Dybala

Terremoto in casa Juventus in vista della ripresa del campionato: decisi a “cacciarli via” per colpa di Paulo Dybala

L’Argentina campione del mondo è sicuramente l’evento che sarà più ricordato nel mondo del calcio del 2022. Dopo 36 anni la ‘Seleccion’ è tornata sul tetto del mondo, con Lionel Messi che ha alzato per la prima volta la coppa, scacciando ogni dubbio sul paragone con Diego Armando Maradona. Tra i protagonisti del Mondiale c’è stato anche Paulo Dybala, almeno per quanto riguarda la finale contro la Francia. Infatti la ‘Joya’ non ha visto molto il campo, ma è stato freddo dal dischetto nel momento decisivo.

Terremoto Juve, li "cacciano via" per colpa di Dybala
Paulo Dybala ©LaPresse

Oggi Dybala è tornato a Roma per riprendere gli allenamenti con la Roma, ma l’argentino potrebbe mettere nei guai due suoi connazionali ancora non tornati dalle vacanze. I tifosi si infuriano e chiedono il loro addio immediato.

Juventus, Di Maria e Paredes tornano a gennaio: tifosi furiosi sui social

L’euforia per essere diventati campioni del mondo sarà difficile da smaltire, anzi, forse sarà una marcia in più per la ripresa del campionato. Paulo Dybala è tornato a Roma oggi ed è stato accolto dai tifosi a Fiumicino all’alba. Il suo ritorno fa però scatenare i tifosi della Juventus contro altri due Argentini, ovvero Di Maria e Paredes.

Terremoto Juve, li "cacciano via" per colpa di Dybala
Di Maria e Paredes ©LaPresse

I due bianconeri infatti torneranno ad allenarsi alla Continassa solo il 2 gennaio, a due giorni dal ritorno in campo in Serie A. La differenza nel ritorno rispetto a Dybala ha fatto infuriare i tifosi, che vedono anche Lautaro Martinez tornare domani all’Inter, prima rispetto a Di Maria e Paredes. Su Twitter sono tanti i messaggi dei tifosi bianconeri e c’è chi addirittura arriva a chiederne l’addio immediato. Probabilmente il loro ritorno alla Juventus non sarà accolto con clima di festa come ci si poteva aspettare, anzi, i tifosi chiedono dimostrazioni sul campo adesso.