Calciomercato Roma, chiodo fisso e blitz lampo: Juve al palo

Calciomercato Roma, il tecnico non ha mezze misure: vuole soltanto lui. Mourinho e la Juventus sono stati avvisati.

La situazione Karsdorp, almeno fino a questo momento, è quella che sta maggiormente caracollando le attenzioni del GM della Roma Tiago Pinto.

Calciomercato Roma, chiodo fisso e blitz lampo: Juve al palo
Max Allegri ©LaPresse

Al di là dell’esternazioni dell’avvocato del terzino olandese, però, di offerte concrete non sembra esserci alcuna traccia. La Roma potrebbe sì entrare nell’ordine di idee di ammorbidire la propria posizione in merito al prezzo del cartellino dell’olandese, ma sicuramente non avallerà eventuali operazioni in prestito. Chi vuole Karsdorp, dovrà pagarlo. Soldi che poi saranno dirottati per puntellare quelle zone del campo che potrebbero mostrare delle lacune. Il settore difensivo, non a caso, è da tempo sotto stretta osservazione dei giallorossi.

Calciomercato Roma, il Siviglia è sempre sulle tracce di N’Dicka: lo scenario

Un addio a stretto giro di posta di Kumbulla non è affatto da escludere, con l’albanese che potrebbe essere inserito come pedina di scambio per sbloccare degli affari. Bisognerà monitorare con solerzia anche l’evolvere della situazione Smalling, per il quale le sirene della Premier, oltre a quelle di Inter e Juventus, stanno suonando con una certa insistenza.

Calciomercato Roma, chiodo fisso e blitz lampo: Juve al palo
N’Dicka ©LaPresse

Stando così le cose, sorprende fino ad un certo punto che Pinto abbia inserito nella propria lista dei desideri N’Dicka. Il centrale transalpino in forza all’Eintracht Francoforte fa gola a diversi club in giro per l’Europa, pronti a darsi battaglia per un prospetto che negli ultimi anni ha avuto una crescita a dir poco esponenziale. Tra questi figura anche il Siviglia, con Sampaoli che avrebbe chiesto espressamente il difensore dell’Eintracht per puntellare un reparto falcidiato da numerosi infortuni. La partita è ancora molto aperta. Gli andalusi potrebbero decidere di affondare il colpo a gennaio per provare ad anticipare la concorrenza: a quel punto, però, dovrebbero mettere sul piatto un esborso cash non preventivatile a meno di cessioni a sorpresa. A riferirlo è Estadio Deportivo. Staremo a vedere cosa succederà.