Calciomercato Roma, la Juventus lo vuole “regalato”: Pinto tiene duro

Calciomercato Roma, la Juventus lo vorrebbe quasi regalato: Pinto al momento tiene duro, ma si cerca di colmare la distanza

Lo ha confermato Tiago Pinto: Karsdorp, nonostante si alleni con il gruppo, è sul mercato e rimane un elemento in uscita. Ma a certe condizioni, ovviamente, perché nessuno in casa Roma vuole svendere il calciatore.

Calciomercato Roma, la Juventus lo vuole "regalato": Pinto tiene duro
Cherubini ©LaPresse

La richiesta giallorossa la sappiamo: 10 milioni di euro per il cartellino dell’olandese per una cessione a titolo definitivo o al massimo in prestito con obbligo di riscatto. Pinto le regole le ha scritte da un poco di tempo e non ha nessuna intenzione di cambiarle anche perché, il contratto è ancora lungo, e non bisogna svalutare per niente il calciatore. Dalla sua parte, dopo la rottura e dopo non essersi presentato per la tournée in Giappone, Rick si è rivisto a Trigoria all’inizio di dicembre e ha messo, almeno all’apparenza, da parte l’ascia di guerra. Così come ha fatto Mourinho anche se tra i due il rapporto senza insanabile. Immediatamente dopo la frattura sul campo del Sassuolo, si è parlato di un interesse della Juventus. Interesse confermato, anche se in questo momento, i bianconeri, lo vorrebbero quasi regalato.

Calciomercato Roma, si tratta con la Juventus

Secondo quanto riportato da tuttomercatoweb infatti, i bianconeri vorrebbero davvero prendere l’esterno olandese cedendo anche alle richieste di Pinto sull’obbligatorietà del riscatto alla fine della stagione. Ma c’è un’enorme distanza sulla valutazione.

Calciomercato Roma, la Juventus lo vuole "regalato": Pinto tiene duro
Karsdorp ©LaPresse

La società piemontese infatti non vorrebbe andare oltre i 5 milioni di euro. Una cifra effettivamente molto bassa rispetto a quelle che sono le intenzioni dichiarate della Roma. Si tratta, insomma, e si potrebbe anche arrivare ad una soluzione a “metà” che sblocchi Pinto sul mercato. Questi sarebbero soldi veri da investire anche per coprire il buco che l’olandese lascerà. Vedremo. Ma al momento, il gm, tiene duro.