Da Mourinho a De Rossi: Bove svela tutto

Da Mourinho a De Rossi, Bove in un’intervista svela tutto. Ecco le parole del centrocampista giallorosso

Sicuramente José Mourinho ha avuto un enorme impatto sulla crescita di Edoardo Bove. Un elemento che ormai se non gioca titolare entra sempre in campo, e lo fa anche in maniera decisiva. Nella serata di ieri infatti non solo ha dato il via all’azione che ha portato alla rete di Lukaku, ma ha servito El Shaarawy per il gol che ha chiuso il match.

Da Mourinho a De Rossi: Bove svela tutto
Bove (AnsaFoto) – Asromalive.it

Oggi sul canale Youtube di StarCasinòSport è stata pubblicata un’intervista al giocatore giallorosso. Dieci minuti di chiacchiere che hanno toccato diversi temi. Dal suo rapporto con la Roma, a quello con Mourinho, a De Rossi e al numero di maglia con il quale vorrebbe giocare. Andiamo a vedere insieme quelli che sono i punti più importanti.

Sul numero di maglia ha risposto in questo modo: “Il numero che ho sempre portato nelle giovanili è il numero 8, mi piacerebbe molto vestirlo ma anche il 5. Non vestirei mai il 10 perché a Roma lo considero sempre sacro, è un po’ una religione, non mi permetterei”. E questo ovviamente sappiamo a chi è riferito e non stiamo qui a sottolinearlo.

Da Mourinho a De Rossi, le parole di Bove

“De Rossi per me è sempre stato un esempio – ha detto ancora Bove – perché il ruolo è quello. Abbiamo grinta e cattiveria che ci accomuna. Ma ho ancora tantissime cose da imparare e lui mi piaceva tantissimo come giocatore”. A Bove è stato chiesto come mai è entrato così in sintonia con Mourinho. La sua risposta è stata netta. “Me lo chiedo anche io – ha detto ridendo – e la risposta più semplice sarebbe fare quel che l’allenatore ti chiede che non è mai banale, perché alla fine il rapporto giocatore allenatore è basato sulla fiducia, se l’allenatore si fida di te in campo hai un bellissimo rapporto con lui, è la componente che mi permette di fare quel che mi chiede”.

Da Mourinho a De Rossi: Bove svela tutto
Mourinho e Bove (AnsaFoto) – Asromalive.it

Infine anche una domanda di colore, tra le altre, chi è secondo lui il compagno di squadra più elegante, quello che sarebbe impeccabile anche quando porterebbe a spasso il cane: “Una bella lotta, forse Dybala, Kristiansen e Bryan Cristante sono sempre impeccabili”.

 

Impostazioni privacy