De Rossi mastica amaro: slitta ancora il rientro

L’allenatore della Roma dovrà fare ancora a meno di lui in vista degli imminenti impegni in casa giallorossa

José Mourinho prima, Daniele De Rossi adesso: i vari problemi legati alle assenze giallorosse tra infortunati e impegni in Nazionale stanno rendendo difficile la vita in casa Roma, sempre alle prese con continue date di scadenza che si protraggono.

Tegola per De Rossi: slitta ancora il rientro
Daniele De Rossi (LaPresse) – asromalive.it

A partire dalla difesa, il reparto più colpito con Chris Smalling che manca addirittura dal primo settembre 2023 nella sfida contro il Milan. Un altro che non si vede da un po’ in campo è Marash Kumbulla, ko dalla scorsa stagione compresa a causa di un grave infortunio. Ora l’albanese andrà a recuperare la forma perduta al Sassuolo in prestito.

Insomma, questo è solo l’inizio del lungo elenco che ci sarebbe da fare. Tiago Pinto si è messo all’opera con una sessione invernale dove ha fatto il possibile per arricchire la rosa sia a livello tecnico che numerico. Infatti, l’ultimo calciomercato diretto dal portoghese ha visto arrivare a Roma Huijsen, Angeliño e infine Baldanzi.

Il ritorno tarda ad arrivare

Ne abbiamo parlato in precedenza degli impegni in Nazionale che stanno mettendo ulteriormente in salita la strada per De Rossi. Così come N’Dicka, anche Azmoun continuerà la propria avventura con il suo Iran. Gli ottavi di finale della Coppa d’Asia sono stati vinti proprio dagli iraniani contro la Siria in un match molto tirato dove l’Iran ha rischiato tanto di uscire di scena.

Tegola per De Rossi: slitta ancora il rientro
Azmoun (Ansafoto) – Asromalive.it

Era iniziato tutto nella norma con un gran primo tempo iraniano condito dal rigore realizzato da Taremi al 34′, lo stesso che quasi un’ora di gioco più tardi è stato espulso per doppia ammonizione. Prima una simulazione e poi un fallo tattico quando il punteggio era già sull’1-1, complice il penalty convertito da Khribin. Azmoun ha giocato 98 minuti, uscendo per Ansarifad poco prima dei tempi supplementari. L’Iran ha poi resistito mezz’ora in dieci contro undici e ai rigori ha avuto la meglio per 5-3. Ora ad attendere Azmoun e soci, senza lo squalificato Taremi, ci sarà il Giappone nonché una delle favorite.

Impostazioni privacy