Dall’Inter alla Roma: flop a costo zero

L’ambiente Roma reclama notizie su un giovane talento giallorosso, scomparso dai radar nel corso delle ultime settimane

Ci sono due grandi dubbi che stanno assillando il popolo giallorosso in questi giorni. Il primo è: Daniele De Rossi resta anche per la prossima stagione? La risposta definitiva non può che giungere dai vertici della società capitolina, ma le considerazioni scaturite dal confronto tra i sostenitori di fede giallorossa sono senza dubbio un elemento da considerare. La stessa decisione di portare DDR a Trigoria è stata platealmente influenzata dal trascorso dell’ex capitano giallorosso, che avrebbe di certo calmierato le polemiche generate dall’esonero di José Mourinho.

De Rossi (Lapresse) – Asromalive.it

Così è avvenuto, ma DDR ha preso il lavoro sul serio, mettendo immediatamente in chiaro la volontà di non passare semplicemente come un traghettatore da esibire come icona romana. I risultati, dopo poco più di sessanta giorni, parlano da sé e recitano sette vittorie, un pareggio e una sconfitta su nove incontro di campionato, oltre al passaggio degli ottavi di Europa League, conquistato a sfavore del temibile Brighton di Roberto De Zerbi. Adesso, dopo la sosta delle nazionali, DDR & co. si troveranno costretti ad affrontare molte delle dirette concorrenti in classifica, oltre all’appuntamento europeo contro il Milan di mister Pioli.

L’altra perplessità dei romanisti riguarda la perpetrata assenza di un erede per Tiago Pinto. A partire dallo scorso 3 febbraio, infatti, i giallorossi sono senza direttore sportivo, il che, insieme alla precarietà della panchina di DDR, getta il popolo giallorosso in una fastidiosa sensazione di insicurezza per quanto concerne gli equilibri da definire per la prossima stagione. Svariati i temi di mercato, sia in uscita che in entrata, da valutare in tempo per l’apertura della finestra di mercato estiva e, di conseguenza, l’ingaggio di un ds dovrebbe iniziare a rappresentare una priorità per i vertici capitolini. In tal senso, spicca la situazione di un calciatore in particolare, giunto nel corso del mercato invernale, il cui avvenire è avvolto nelle nubi.

Kevin Zefi attende nell’ombra il suo momento

Stiamo parlando di Kevin Zefi, ovvero il giovane talento giunto nel corso del mercato invernale a parametro zero direttamente da Appiano Gentile (il centro sportivo dell’Inter). Si tratta di un classe 2005 di origini irlandesi capace di mandare in tilt il campionato Primavera grazie a giocate e numeri da capogiro, ma altrettanto in grado, a causa di comportamenti fuori dal comune sul piano caratteriale, di convincere i nerazzurri a liberarsene il prima possibile.

La sorprendente qualità nell’accarezzare il pallone e superare con rara disinvoltura gli avversari in campo, farebbe da contraltare ad un’indole difficilmente domabile, a cui i nerazzurri si sarebbero arresi dopo alcuni mesi. Sia chiaro, le luccicanti qualità dell’irlandese sono rinomate a Milano, tanto che i vertici interisti si sono comunque assicurati di ottenere un buon 25% dall’eventuale rivendita del calciatore.

Kevin Zefi (screen Instagram) – Asromalive.it

Il giovane è giunto nelle giovanili giallorosse lo scorso 12 gennaio, ma da allora nessuna notizia. Zefi ha ormai compiuto 19 anni da giallorosso, ma dal suo approdo nella capitale, sono stati scarsi e deboli i segnali di vita. Per lui una misera presenza, partendo dalla panchina, con la Roma Under-19 e solo altre tre convocazioni consumate in panchina. Che a Trigoria si stia lavorando proprio sul quel caratterino che ne ha sancito il fallimento a Milano? Per ora non è dato saperlo e, intorno alla figura del talentoso attaccante giallorosso, rimane uno spesso velo di mistero.

Impostazioni privacy