Dopo la Juve, c’è la Roma: De Rossi lo riporta in Serie A | ASRL

Non solo Chiesa nel mirino della Roma per rinforzare l’attacco in vista della prossima stagione

In attesa di accogliere ufficialmente il nuovo direttore sportivo, che a meno di voltafaccia clamorosi sarà Florent Ghisolfi, la Roma sta già seguendo alcune linee guida imprescindibili per il 4-3-3 di Daniele De Rossi in vista del prossimo anno.

Dopo la Juve, c'è la Roma: De Rossi lo riporta in Serie A | ASRL
De Rossi (LaPresse) – Asromalive.it

Dopo le disfatte contro Bayer Leverkusen e Atalanta, il tecnico giallorosso ha fatto capire di voler puntare su calciatori maggiormente dinamici per sviluppare al meglio le proprie idee calcistiche. Non a caso, uno dei primi nomi fatti alla proprietà americana dall’allenatore ostiense è stato quello di Federico Chiesa. In scadenza di contratto il 30 giugno del 2025, l’ala azzurra in assenza di un accordo per il rinnovo potrebbe lasciare in estate la Juventus, che non vuole correre il rischio di perdere il giocatore a parametro zero tra un anno. Con o senza Chiesa, nella lista della spesa, DDR ha inserito l’arrivo di due esterni per quanto riguarda il mercato in entrata.

Calciomercato Roma, idea Kulusevski: De Rossi ha l’asso nella manica

In tal senso, nelle ultime ore sta emergendo un’altra candidatura di assoluto prestigio. Secondo quanto appreso da Asromalive.it, infatti, allo staff tecnico giallorosso piace molto Dejan Kulusevski. Acquistato dal Tottenham per circa 40 milioni di euro tra prestito e obbligo di riscatto, il mancino svedese non esclude un ritorno in Italia dopo l’ultima esperienza alla Juventus.

Dopo la Juve, c'è la Roma: De Rossi lo riporta in Serie A | ASRL
Kulusevski (LaPresse) – Asromalive.it

Nel caso in cui l’erede di Tiago Pinto dovesse decidere di affondare il colpo per il 24enne ex Atalanta e Parma, potrà contare su una corsia preferenziale rappresentata dagli agenti del calciatore, che sono gli stessi di Daniele De Rossi, ma resta da vedere se questo riuscirà a compensare le difficoltà derivanti dall’elevato costo del suo cartellino, a men che gli Spurs non dovessero aprire all’ipotesi di una cessione in prestito con riscatto.

Impostazioni privacy