Lascia la Juve da campione: se ne va nella Capitale

Lascia la Juventus per la Capitale: ritorno di fiamma e un titolarissimo se ne va dal bianconero. Ecco quello che potrebbe succedere nelle prossime settimane con il mercato in fermento

La Juventus, fresca vincitrice della Coppa Italia, saluterà Massimiliano Allegri alla fine della stagione. Ancora due partite per il tecnico bianconero, poi sarà addio. E ieri sera, la sua emozione, e la sua reazione contro Giuntoli alla fine della sfida contro l’Atalanta, sono state un ulteriore conferma.

Lascia la Juve da campione: se ne va nella Capitale
La Juventus, ieri ha vinto la Coppa Italia (AnsaFoto) – Asromalive.it

Nella Juventus ci sarà una vera e propria rivoluzione. Perché anche Rabiot è in bilico – contratto in scadenza e senza Max il rinnovo è difficile – e davanti a delle offerte ritenute importanti e adeguati tutti potrebbero partire. Da Chiesa, a Vlahovic, e finendo con Bremer. Ma non sono gli unici che potrebbero portare degli introiti alle casse bianconere, che hanno bisogno effettivamente di risorse per la prossima stagione: sì, perché secondo le informazioni che sono state riportate dal sito inglese 90min.com, ci sarebbe un ritorno di fiamma dell’Arsenal per un giocatore che prima di passare in bianconero era stato proprio cercato dai Gunners.

Arsenal su Locatelli, lo vuole Arteta

Ieri squalificato, quindi ha vinto la Coppa Italia guardando i compagni, Manuel Locatelli sarebbe entrato in una piccola short list dei londinesi per la prossima stagione. Arteta lo vede come un ottimo metronomo in mezzo al campo, in grado anche all’occasione, di giocare come mezzala cercando la qualità lì davanti.

Lascia la Juve per la Capitale: il titolarissimo se ne va
Locatelli (Lapresse) – Asromalive.it

Mettiamo le cose in chiaro: al momento non esiste nessuna trattativa per il giocatore ma è solamente un’indicazione che arriva dall’Inghilterra, ma è evidente che dentro la Juventus in questo momento nessuno è incedibile, e con l’addio di Allegri ormai consumato nella notte dell’Olimpico, c’è la sensazione che la rivoluzione sarà assai profonda. Quindi non ci stupiremmo di un addio. Anche perché, Locatelli, non è che in questa annata abbia fatto benissimo.

Impostazioni privacy