Strootman non dimentica, saluto e richiesta “esagerata” De Rossi

Roma-Genoa, le parole di Strootman dopo l’ultima gara allo Stadio Olimpico e il saluto alla Curva Sud. Spunta la richiesta di De Rossi

La partita contro il Genoa è stata non poco ricca di emozioni e difficoltà, come ben restituisce l’immagine di un gol con esultanza dal sapore di commiato da parte di Romelu Lukaku, che potrebbe aver stasera chiosato la propria avventura nella capitale. Da segnalare, nella partita finale casalinga di questa stagione per la squadra di De Rossi, anche il saluto finale ai tifosi, con una presenza speciale in sotto la Curva Sud.

Roma-Genoa
Kevin Strootman (Lapresse) – asromalive.it

Non è passata inosservata, infatti, la presenza di Kevin Strootman, che in settimana aveva annunciato il mancato rinnovo con il Genoa e l’imminenza di un addio al Grifone e, con ogni probabilità, anche alla stessa Serie A. In questi minuti, ai microfoni Dazn, l’olandese si è imbattuto in una sentita e sincera intervista, durante la quale, oltre che al futuro, ha parlato anche del passato alla Roma. Nel finale, poi, è spuntata anche quella ‘esagerata’ richiesta di De Rossi.

“I tifosi della Roma mi hanno sempre sostenuto, mi mandano ancora messaggi e, meno male, qui mi vogliono bene. Mi manca tanto la Roma, ho giocato qui e sono stati i cinque anni più belli della mia carriera in questa città. Negli ultimi anni sono stato più una lavatrice rotta, oggi ho dato tutto ed è stato speciale, contro una squadra forte: è stato emozionante giocare qui. Sono tranquillo di solito ma anche per uno come me è stato difficile oggi. Non so ancora cosa sarà della mia carriera, deciderò durante l’estate, devo dare sempre di più per stare ad un buon livello fisico per giocare ancora in modo top. Deciderò in estate e se non riuscirò più a stare a certi livelli, forse smetterò”.

“De Rossi mi ha detto di andare sotto la curva e se volessi fare il giro con la squadra della Roma. Forse sarebbe stato esagerato, ma salutare i tifosi che mi hanno sempre sostenuto, oggi compreso, è stato emozionante anche per un olandese come me. Il momento è stato bellissimo, con mio fratello venuto appositamente dall’Olanda. Si è trattato di una serata speciale; De Rossi è De Rossi e non devo aggiungere nulla“.

Impostazioni privacy