Dal Milan alla Roma: non c’è due senza tre | ASRL

Dopo averlo eliminato nei quarti di finale di Europa League, la Roma prova a dare un dispiacere al Milan anche sul calciomercato

Archiviato ogni discorso in campionato con la conquista aritmetica del sesto posto in classifica, la Roma si è guadagnata il diritto di poter attendere il risultato della finale di Europa League tra Bayer Leverkusen e Atalanta, con la speranza di poter ancora conquistare un posto in Champions League, qualora i bergamaschi dovessero vincere il trofeo e qualificarsi al quinto posto in classifica in campionato. Qualora ciò non dovesse accadere, il club giallorosso tornerà a disputare per il terzo anno consecutivo la seconda competizione europea per club.

Dal Milan alla Roma: non c'è due senza tre | ASRL
De Rossi (Lapresse) – Asromalive.it

La notizia buona, tuttavia, è che rispetto al passato più recente i paletti della Uefa in materia di calciomercato saranno meno stringenti, lasciando così maggiori margini di manovra al nuovo direttore sportivo, Florent Ghisolfi. Su indicazione di Daniele De Rossi, l’ex dirigente del Nizza sarà chiamato ad attuare un profondo restyling della rosa, tra cessioni e arrivi. Le priorità ineludibili riguardano gli esterni di difesa e di attacco, un nuovo centravanti, uno o due centrocampisti di gamba e un vice Svilar.

Non c’è due senza tre, sfida Milan-Roma in casa PSG

Vista la provenienza dell’erede di Tiago Pinto, è logico attendersi un occhio di particolare riguardo nei confronti del campionato francese. Già nei giorni scorsi, non a caso, sono emerse indiscrezioni riguardanti alcuni profili interessanti della Ligue 1. Come di consueto, bisognerà fare attenzione anche agli esuberi del Paris Saint-Germain, nella speranza che un eventuale terzo arrivo da Parigi non ripercorre le deleterie orme degli affari Wijnaldum e Renato Sanches.

Dal Milan alla Roma: non c'è due senza tre | ASRL
Mukiele (Lapresse) – Asromalive.it

Secondo quanto appreso dalla redazione di Asromalive.it, un nome finito sul taccuino del dirigente giallorosso in pectore è quello di Nordi Mukiele. Acquistato dal Lipsia per 12 milioni di euro, il 26enne francese a gennaio fu molto vicino al Bayern Monaco, ma Luis Enrique decise di bloccarne la cessione, rispedendo al mittente anche le richieste del Milan. Nonostante le promesse di un maggior minutaggio, dalla fine del mercato l’esterno destro ha disputato solo quattro gare da titolare e in estate potrebbe cercare maggiore continuità altrove. Abile a giostrare sia sulla fascia, sia al centro della difesa, Mukiele è tra i calciatori con lo stipendio più accessibile nella rosa del Psg (circa 4,5 milioni di euro) e questo potrebbe favorire anche un eventuale acquisto a titolo definitivo del calciatore.

Impostazioni privacy