Roma, spunta il retroscena su Francesco Totti e Dan Friedkin

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:45

Roma, spunta il retroscena su Francesco Totti e Dan Friedkin. Contatto tra i due, poi l’appoggio anche se a parole esclude un ritorno.

totti
Francesco Totti @ Getty Images

Se la squadra, almeno questa è la speranza, è concentrata sulla prossima partita di campionato contro il Brescia che metterà fine alla sosta per le nazionali, a Roma si parla molto della possibile cessione della società da parte di Pallotta al gruppo Friedkin.

Pallotta ha dato la sua disponibilità a valutare la proposta di Friedkin, che vorrebbe prima di tutto coprire l’aumento di capitale di 150 milioni entro il 31 dicembre e poi provare successivamente la scalata al pacchetto di maggioranza. Il presidente americano valuta la Roma tra 800 milioni e un miliardo, ma non vorrebbe vendere la maggioranza e cercherebbe piuttosto dei soci disposti ad aiutarlo. Friedkin valuta la Roma 600 milioni, può arrivare a 700 coprendo le spese sostenute per lo stadio e vorrebbe però diventare proprietario del club.

LEGGI ANCHE >>> Roma in vendita, ecco il gruppo Friedkin

Roma, il retroscena Friedkin-Totti

James Pallotta @ Getty Images

Secondo quanto riportato dall’edizione odierna de “Il Tempo“, ci sarebbe stato già un contatto tra Francesco Totti e Dan Friedkin. I due avrebbero infatti pranzato insieme all’hotel De Russie, lo stesso dove ha alloggiato l’imprenditore americano.

Totti ha deciso di intraprendere la strada del procuratore sportivo, ha detto addio alla Roma e almeno a parole non è intenzionato a fare passi indietro. Ieri a Radio Radio è stato lo stesso Totti a dirlo chiaramente: «Se mi venissero a chiedere se potessi tornare alla Roma mi metterebbero in difficoltà, ma direi di no per rispetto della mia decisione. Voglio fare una nuova esperienza. Spero che i tifosi, me compreso, possano tornare ad alti livelli con un presidente che possa mettere tanti di quei soldi che possa vincere tutto a partire dalla Champions League, senza nulla togliere a Pallotta».

Chissà se Friedkin potrà in futuro fargli cambiare idea, se davvero riuscirà nella scalata alla società.

LEGGI ANCHE >>> As Roma in vendita, ecco il documento