Roma, critiche social per Paulo Fonseca: ma tanti tifosi lo difendono

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:50

Non sono ore facili per Paulo Fonseca. Finora difeso dalla maggior parte dei tifosi della Roma, ma il numero di chi non crede più nel lavoro del tecnico portoghese è in aumento. Sui social infatti si leggono molte critiche sul suo operato, in generale ma anche riferito al match perso contro l’Atalanta.

Paulo Fonseca @Getty Images

Francesko94 scrive: “6 sconfitte in 9 partite nel 2020, non può essere solo un problema mentale,se ci riduciamo a solo questo aspetto siamo totalmente fuori di testa”, in merito alle parole di Paulo Fonseca nel post-partita di ieri sera. Savio non difende il tecnico ma mette nel mirino la squadra: “Per quanto Di Francesco e Fonseca siano inadeguati e sono il primo a dirlo, qui farebbe fatica anche Allegri. La squadra è scarsa. Il Cagliari ha un centrocampo 10 volte superiore alla Roma. I tifosi del Cagliari avrebbero molto più diritto a lamentarsi dei loro giocatori”.

LEGGI ANCHE –>>Roma, Fonseca in crisi: i numeri non gli sorridono

Fonseca: c’è anche chi lo difende

81R10 su Twitter loda Fonseca ma critica la sua scarsa capacità di imporsi: “Dico la mia su Fonseca: allenatore preparatissimo ma lo condanno xke’nn ha avuto la forza di imporsi su alcune scelte di mercato…anche le piu’banali..ha accettato tutto in maniera passiva…questa gente a noi nn serve mi dispiace dirlo”. Anche Cactus 0513 lo difende: “Non parliamo degli allenatori. Adesso tritano per bene anche Fonseca, che poi andrà a vincere trofei da qualche altra parte. E poi dite che Conte e Gasperini hanno fatto male a evitare come la peste ‘sto cazzo di ambiente romano”.

ContiPamela commenta invece così: “Fonseca è l’ultimo dei responsabili,ha trovato un disastro,un anno zero dichiarato (che però nonostante tutto deve andare in Champions) una miriade di infortuni gravi e un cambio di proprietà. Lasciamolo in pace”. E Natostanco aggiunge: “Con il cambio di società, se ci sarà, Fonseca non finirà neanche la stagione. Ma la colpa non è sua ma di tutti quanti. Dirigenti in primis e poi calciatori”.