Gent-Roma, Fonseca: «Bene l’atteggiamento difensivo»

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:37

Missione compiuta per la Roma. I giallorossi hanno pareggiato per 1-1 sul campo del Gent riuscendo dunque a conquistare il passaggio agli ottavi di finale di Europa League. A segno per la Roma è andato Kluivert su passaggio filtrante di Mkhitaryan.

Paulo Fonseca @GettyImages

In conferenza stampa post-gara si è presentato come sempre Paulo Fonseca, pronto ad analizzare la partita dei suoi ragazzi. «Non è facile giocare questo tipo di partite, il Gent ha giocato bene ma noi abbiamo dimostrato qualità, i giocatori hanno dimostrato un buon atteggiamento difensivo» ha detto l’allenatore portoghese. Che poi è entrato nel dettaglio della sfida: «Nel primo tempo non abbiamo fatto bene e abbiamo lasciato spazi, meglio abbiamo fatto nella ripresa è andata meglio. Il campo era molto pesante e per noi era difficile cercare di prenderli in velocità».

LEGGI ANCHE –>> Gent-Roma, i voti: Mancini disastroso

Fonseca ha anche parlato delle mosse tattiche: «Quando giochiamo contro una squadra con due attaccanti, è importante costruire con tre giocatori come fatto con il Lecce. Abbiamo fatto lo stesso oggi lasciando libero il terzino di andare, con Veretout pronto per la marcatura preventiva». «Diawara? Non so se ci sarà all’andata degli ottavi, spero rientri la prossima settimana. Negli ultimi tempi ci sono stati molti infortuni, è difficile avere stabilità quando si perdono dei giocatori importanti» ha sottolineato ancora Fonseca, che poi ha tessuto le lodi di Mkhitaryan. Decisivo con l’assist a Kluivert.

«Giocatori con la sua esperienza sono importanti, così come sarebbe stato Pastore, con lui saremmo stati più forti. Perotti è appena rientrato e può essere importante per la Roma, così come ora lo è Mkhitaryan. Abbiamo bisogno di esperienza in questo momento, credo che il suo ruolo ideale sia quello di trequartista».

Domenica altra partita difficile per la Roma sul campo del Cagliari. «E’ difficile recuperare i giocatori in poco tempo, scenderemo in campo tra meno di 72 ore, non capisco perché non giochiamo il lunedì. E’ assurdo, i giocatori ne risentono».