Cessione Roma, trattativa ancora aperta: lo conferma pure Gravina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:34

La trattativa per il passaggio dell’As Roma da Pallotta a Friedkin vive una fase di stallo. Ma questo ormai lo si è capito da tempo, perchè a causa dell’emergenza Coronavirus tutto è “congelato” in attesa di una fase migliore per tutti.

Mertens
@Getty Images Roma bandiera

Tuttavia le indiscrezioni sulla rottura tra i due imprenditori americani e il differimento di 30 giorni della pubblicazione della relazione semestrale (già approvata con perdite intorno agli 87 milioni di euro) hanno portato ad un nuovo ribasso delle azioni.

LEGGI ANCHE –>Uefa non si arrende al coronavirus, le ipotesi di ritorno in campo

Come riporta Il Corriere dello Sport in verità non ci sono novità riguardo la trattativa per la cessione del club. Il Coronavirus non solo ha messo in ginocchio il mondo sul piano sanitario, ma rischia di farlo anche sul piano economico. E quel che sembra certo è che se davvero Friedkin comprerà la Roma, andrà ridiscusso e negoziato il prezzo. Con Pallotta che a quel punto dovrebbe valutare se sia davvero conveniente però vendere. Sarà lui in questa fase a garantire la continuità aziendale, versando le rate rimaste dell’aumento di capitale fino al prossimo 31 dicembre. Ci sono insomma tanti punti interrogativi ai quali al momento è davvero complicato dare risposta.

A confermare comunque come la trattativa sia ancora aperta non è stato solo Pallotta, intercettato da LaRoma24, ma anche il presidente della Figc Gravina, che a Radio Radio ha ammesso: «A quanto ne so io l’operazione sta andando avanti e credo proprio che si procederà. Noi abbiamo avuto informazioni sommarie sul possibile passaggio di proprietà e aspettiamo la documentazione completa per dare l’ok a livello sportivo. Ma ovviamente ora ci sono altre priorità».