Roma, il pensiero del CT Mancini sui giocatori giallorossi. Zaniolo e Pellegrini…

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:38
zaniolo mancini europei
@getty images

NOTIZIE AS ROMA DICHIARAZIONI CT MANCINI ZANIOLO PELLEGRINI – Il Commissario Tecnico della Nazionale Italiana, Roberto Mancini ha parlato ai microfoni di ‘Roma TV’. Tra i tanti temi trattati non potevano non esserci anche quelli riguardanti gli italiani che vestono la maglia giallorossa, tra cui Gianluca Mancini, Leonardo Spinazzola, Bryan Cristante, Nicolò Zaniolo e Lorenzo Pellegrini.

Cessione Roma, la trattativa Pallotta-Friedkin pronta a ripartire

Mancini su Zaniolo

“E’ un ragazzo giovane e non bisogna far ricadere su di lui tutte le responsabilità, deve continuare ad accumulare esperienza. Lui fa parte di quei giocatori giovani che con un altro anno potrà migliorare, recupererà dall’infortunio. È un giocatore fisicamente molto forte, tecnicamente molto forte, ha un gran sinistro. Quindi io penso che lui possa diventare un giocatore straordinario se continuerà a essere serio, ad allenarsi seriamente, a fare una vita da atleta. Credo che possa togliersi delle grandi soddisfazioni”.

Sul ruolo: “Deve ancora trovarlo, ma è un giocatore che può giocare in 2/3 ruoli e questo non è sicuramente uno svantaggio, anzi il contrario. 

Serie A, il nodo prestiti da sciogliere e l’esempio Smalling

Mancini su Pellegrini

“Credo che Pellegrini sia un giocatore polivalente a centrocampo, calciatore offensivo che a volte nella Roma ha giocato anche da centrocampista basso. un giocatore per noi molto importante, che può migliorare ancora perché ha margini enormi e ha diverse collocazioni in campo, quindi sarà importante anche lui”.

Sul ruolo: “Io credo che renda meglio quando offende, perché comunque ha il gol dentro, credo che interno dei tre a centrocampo sia il suo ruolo migliore, però è un giocatore che può giocare esterno di attacco, come ha fatto con noi in Finlandia dove ha giocato benissimo”.

Mancini su Cristante, Mancini e Spinazzola

“Sono tutti giocatori importanti per noi. Ho molta fiducia in Mancini, a parte il nome, gli dico sempre “tu devi far bella figura, non è un nome semplice” – è un giocatore secondo me molto forte come centrale, anche lui ha bisogno chiaramente di giocare. A me piace molto, così come Bryan. Lui gioca da centrocampista basso, ma io l’ho fatto giocare anche interno un po’ più alto. La stessa cosa per Spinazzola: io penso che sia straordinario come giocatore, ha un po’ il problema di infortunarsi spesso, quindi io spero che questo non accada. Se lui è in forma, è un giocatore incredibile”.

Solskjaer: “Meglio un buco in rosa che uno S…”