Dzeko: “Mi piace tutto di Roma. Gol più bello? Sinistro al volo contro il Chelsea”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:50
edin dzeko
@getty images

NOTIZIE AS ROMA DICHIARAZIONI DZEKO – L’attaccante giallorosso ha rilasciato un’intervista al canale Instagram della compagnia aerea ‘Qatar Airways’ main global partner della Roma.

Dichiarazioni Dzeko

Innanzitutto come stai?
Bene grazie, adesso è tutto ok dopo il lockdown e ci possiamo allenare. Poi tra poco riprenderemo a giocare, quindi sono felice”.

Come hai speso il tempo in quarantena?
Non è stata la miglior parte dell’anno. Siamo stati chiusi in casa per due mesi, ma ci sono stati anche degli aspetti positivi. Per esempio sono stato molto con la mia famiglia e i miei figli, i quali sono stati molto felici di passare del tempo con me, perché spesso gli manco e ci manchiamo a vicenda. Mi sono allenato da solo, 6 volte a settimane. All’inizio è stato anche divertente, ma alla fine non vedevo l’ora di tornare in campo e di allenarmi con i miei compagni.

LEGGI ANCHE Quarantena Serie A, andrà in isolamento il giocatore positivo

Chi è il compagno di squadra più divertente?
Noi siamo quasi fratelli più che compagni. Credo Juan Jesus sia il più divertente, a volte quando la situazione non è delle migliori lui cerca di portare positività con degli scherzi.

Cosa ti piace di più di Roma?
Mi piace tutto. Qui il tempo è sempre bello, il cibo è delizioso. Questa è una città storica, quando le persone vengono qui ci sono tante cose da vedere. Sono felice di far parte di questo club e di una città bella come Roma.

Qual è il tuo gol preferito segnato con la Roma?
Per me è una bella domanda. Probabilmente il mio gol preferito è quello contro il Chelsea in Champions League al volo col sinistro. Non solo perché c’erano i tifosi dietro la porta, ma anche per le sensazioni, per il risultato, per la competizione. Non lo scorderò mai.

LEGGI ANCHE Schick si propone anche al Real Madrid

Quanto impegno c’è dietro al calcio?
A volte sembra facile vedere i calciatori giocare in campo divertirsi e segnare, ma non è solo questo. Dietro ci sono anche i sacrifici e tanto lavoro.

Qual è stato il momento più memorabile della tua carriera?
Io vengo dalla Bosnia, un paese piccolo. Circa 25 anni fa c’è stata una brutta guerra. Rappresentare la mia nazione in campo è una sensazione magnifica. Quando ci siamo qualificati per la prima volta a una grande competizione, come il Mondiale 2014, è stato incredibile. È un momento che porterò per sempre nel mio cuore.

Cosa avresti fatto se non fossi diventato un calciatore?
Ho sempre amato il calcio, anche mio padre è stato un calciatore. Probabilmente deriva da lui. Se non avessi fatto il calciatore forse avrei giocato a basket, ci giocavo sempre a scuola. Ero abbastanza basso ma sono cresciuto molto in quegli anni, forse il basket mi ha aiutato.

LEGGI ANCHE Calciomercato Roma, il nuovo terzino sinistro dal Brasile?

Quale superpotere vorresti avere?
Vorrei fermare le guerre in tutte il mondo. Questo sarebbe il mio desiderio.

Quali sono le città con cui sei maggiormente legato?
Non sono mai stato in Qatar, è una cosa che vorrei cambiare. Ho visitato molte città, ma per me e per la mia carriera calcistica sono state importanti Wolfsburg e Manchester. Ho vinto il campionato in entrambe le città, resterò per sempre legato a loro.

Chi è il compagno con cui hai legato di più?
Abbiamo giocato insieme al City, lui viene dalla Serbia, siamo più che semplici compagni: Aleksandar Kolarov.

Cosa farai quando si potrà riprendere a volare?
Mi mancano i miei genitori, quando potremo spostarci sarà la prima cosa che farò. Casa mia non è lontana da Roma.

Quali sono i tre giocatori che porteresti nella Q-suite?
Kolarov e Kalinic, un altro giocatore che viene dai Balcani, e poi Pellegrini, il vice capitano. Loro sono i tre che porterei ovunque.