Calciomercato Roma, addio Kolarov: chi tirerà i calci piazzati?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:16

Calciomercato Roma, l’addio di Kolarov direzione Inter apre un buco soprattutto alla voce calci piazzati: la situazione.

calciomercato Roma
Kolarov (Getty Images)

Nel corso del passato campionato, il rendimento di Kolarov è stato altalenante. Ha spesso commesso degli errori sia in fase di impostazione dando il via alle ripartenze avversarie culminate successivamente in gol. E spesso i suoi movimenti difensivi non sono stati all’altezza della sua esperienza, sia da terzino sinistro sia quando è stato impiegato da terzo centrale di difesa.

Allo stesso tempo però Kolarov è stato più che un attaccante aggiunto. Un cecchino sui calci piazzati diretti e dal dischetto, fondamentale anche negli assist sulle palle inattive. I numeri da questo punto di vista parlano chiaro.

Negli ultimi tre anni classifica dei marcatori su punizione diretta in Europa vede Messi al primo posto (17), ma il secondo in classifica è proprio Kolarov con 7 centri, più di chiunque altro in Serie A.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Roma, con Smalling si discute del contratto

LEGGI ANCHE >>> Roma, parla Petrachi: Lasciato solo a combattere contro tutti

Calciomercato Roma, chi tirerà le punizioni?

Calciomercato Roma
Milik (Getty Images)

Senza Kolarov le soluzioni attuali a disposizione della Roma non sono esaltanti. Ci sono Jordan Veretout e Lorenzo Pellegrini, ma sarà difficile avvicinare i numeri del terzino serbo che sta per passare ufficialmente all’Inter. Le alternative principali col mancino attualmente sono Carles Perez e Cengiz Under, che però è in uscita direzione Napoli.

Il problema potrebbe essere risolto in sede di calciomercato in caso di arrivo di Arkadiusz Milik. Oltre a essere un ottimo rigorista, nei calci di punizione dal limite è un cecchino. Al Napoli ha segnato due gol su calcio di punizione diretto, e anche all’Ajax si era distinto in questa specialità. Alla Roma potrebbe scalare subito le gerarchie e impadronirsi di tutti i tiri dal limite, soprattutto dalle posizioni favorevoli per il suo mancino.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, Conte: Inopportuna riapertura degli stadi

LEGGI ANCHE >>> Roma, Villar esalta tutti con la maglia della Spagna