Rivoluzione Roma, al via il piano di rinnovo dei Friedkin

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:40

Rivoluzione Roma, sembra stia per iniziare piano di rinnovo dei Friedkin all’interno dello staff dirigenziale giallorosso.

cessione roma
Pallotta e Baldissoni (Getty Images)

In attesa di capire che direzione prenderà il calciomercato e, soprattutto, quale sarà il destino del tecnico Fonseca, inizia a prendere forma la rivoluzione del gruppo Friedkin per quanto riguarda lo staff dirigenziale. I rumors degli ultimi giorni, fanno capire che sono previsti molti cambiamenti nei piani alti della società. In particolare, sembra essere ormai giunta al termine l’avventura di Mauro Baldissoni da vicepresidente della Roma. Pronto a salutare Trigoria,  anche il Chief Operating Officier Francesco Calvo. Questi due nomi si andranno ad aggiungere a quello di Pantaleo Longo, che ha già lasciato il club capitolino dopo il caso Diawara. 

Ironia della sorte, l’ex segretario generale dei giallorossi, dovrebbe finire proprio a Verona per sostituire Francesco Barresi.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Roma, l’ombra di Allegri su Fonseca: accordo di massima

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Roma, l’Arsenal insiste: pronto l’affondo finale

Rivoluzione Roma, Totti potrebbe sostituire Baldissoni

cessione roma
Francesco Totti (Getty Images)

Nello stesso tempo la nuova proprietà texana è sempre alla ricerca di qualcuno a cui affidare la poltrona di direttore sportivo. In cima alla lista dei sogni c’è sempre Fabio Paratici, attuale CEO della Juventus.

Intanto, sembra siano giorni decisivi per il ritorno di Francesco Totti all’interno della società. Lo stesso ex capitano, ha fatto intendere ai microfoni del Tg3 che i contatti con la dirigenza giallorossa, e in particolare con Guido Fienga, sono stati già avviati da tempo. Resta da vedere quale sarà il ruolo che l’ex numero 10 andrà a ricoprire. Secondo il Corriere dello Sport, potrebbe essere proprio lui a prendere il posto di Baldissoni come vicepresidente. L’altra alternativa lo vedrebbe come direttore dell’area tecnica.

In entrambi i casi si tratterebbe comunque di ruoli più importanti rispetto all’era Pallotta.