Calciomercato Roma, un nome su tutti per il direttore sportivo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:49

Calciomercato Roma, la conferma di Fabio Paratici alla guida dell’area sport della Juventus, esclude definitivamente un possibile candidato per il ruolo di nuovo direttore sportivo giallorosso.

Roma
Dan e Ryan Friedkin (Getty Images)

In queste settimane, come è ormai noto, i Friedkin stanno vagliando diversi profili che potrebbero ricoprire questa carica. Si è parlato tanto di Ralf Rangnick, ma anche di Luis Campos, Andrea Berta e Victor Orta.

Le notizie riguardanti colloqui avvenuti si sono susseguite in maniera frenetica. La cosa sicura è che la società giallorossa dovrà chiudere la questione in questo periodo, per iniziare già da adesso a programmare il futuro e arrivare preparata al mercato di gennaio, dove i tifosi si aspettano qualche rinforzo importante per la rosa.

L’assenza di un direttore sportivo ha infatti sicuramente condizionato in maniera negativa l’ultima finestra dedicata alle compravendite, dove il club capitolino ha concluso gli acquisti di Pedro, Kumbulla, Smalling e Borja Mayoral.

LEGGI ANCHE >>> Direttore Sportivo Roma, UFFICIALE Paratici resta alla Juventus

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Roma, il Milan alla finestra per un gioiello giallorosso

Calciomercato Roma, Jonas Boldt favorito per il ruolo di direttore sportivo

Calciomercato ds Roma Boldt
Boldt (Getty Images)

I tempi quindi stringono, ma nelle ultime ore sembra che qualcosa si sia mossa in maniera concreta. Secondo quanto riportato da Filippo Biafora su Il Tempo infatti, il nome in pole per la poltrona di direttore sportivo, sarebbe quello di Jonas Boldt. L’attuale dirigente dell’Amburgo, si è incontrato con i Friedkin la settimana scorsa e gli avrebbe esposto i suoi metodi di lavoro e gli eventuali progetti che potrebbe mettere in atto nel caso in cui approdasse nella Capitale.

I nuovi proprietari giallorossi sarebbero rimasti favorevolmente impressionati dalle idee del tedesco e per la prossima settimana sarebbe in programma un nuovo meeting tra le parti, che a questo punto potrebbe essere decisivo. Prima di arrivare all’Amburgo, Boldt ha lavorato per anni al Bayer Leverkusen. Il 38enne parla in maniera fluente lo spagnolo e non avrebbe problemi ad imparare anche l’italiano.