Calciomercato Roma, un candidato si tira fuori per il ruolo di ds

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:06

Calciomercato Roma, la telenovela sul nuovo direttore sportivo dei giallorossi, si arricchisce di una nuova puntata per merito alle dichiarazioni di Ralf Rangnick.

Calciomercato Roma Friedkin
Dan e Ryan Friedkin (Getty Images)

Il dirigente tedesco nelle scorse settimane è stato spesso accostato al club capitolino, con notizie che lo volevano in procinto di sbarcare a Trigoria, grazie a una trattativa già avviata con la dirigenza romanista.

Lo stesso Rangnick però, in una intervista rilasciata e El Pais, ha negato l’esistenza di contatti con la Roma, chiamandosi di conseguenza fuori dalla corsa per il posto da futuro ds.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, retroscena sul talento olandese

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, contatto con Sarri: il retroscena su Paratici

Calciomercato Roma, l’intervista di Rangnick

calciomercato Roma
Ralf Rangnick (Getty Images=

Ecco le dichiarazioni di Rangnick al quotidiano spagnolo:

Non sto trattando con la Roma. Non riesco a immaginare di andare lì in questo momento. Penso che gli ultimi 14 anni, trascorsi tra Hoffenheim e Lipsia, hanno mostrato che io sia nel mio momento migliore e che rendo di più quando sono uno sviluppatore di club, più che un allenatore e basta“.

“La mia intenzione – ha proseguito il tedesco – è quella di lavorare in un club tradizionale, che sia in Germania o in Inghilterra. Ma mi vedo anche lavorare come allenatore per un club ambizioso, subito in lotta per il titolo“.

Come sempre adesso ci sarà da valutare se queste parole rappresentino davvero una chiusura definitiva da parte di uno dei candidati più attendibili per il ruolo di direttore sportivo giallorosso.

Rangnick, durante l’estate scorsa, è stato anche molto vicino a sedere sulla panchina del Milan nella veste di tecnico, prima che la dirigenza rossonera decidesse di confermare Stefano Pioli.

 LEGGI ANCHE: Milan-Roma, tegola per Pioli in vista dei giallorossi

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, no ad una cessione in extremis