Stadio Roma, riavviati i contatti tra i Friedkin e Vitek

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:50

Stadio Roma, sono settimane importanti per capire quale direzione prenderà la questione riguardante la costruzione del nuovo impianto giallorosso.

Calciomercato Roma
@getty images

Negli ultimi periodi si sono diffuse notizie sul pressing di alcuni imprenditori romani nei confronti dei Friedkin, per convincerli a spostare il progetto dall’area di Tor di Valle. Tra le zone proposte in alternativa, vi erano quelle di Fiumicino e Tor Vergata, ma, come riportato oggi da “Milano-Finanza”, i nuovi proprietari del club capitolino, sarebbero intenzionati a procedere con il progetto lasciato in eredità da James Pallotta.

A questo proposito sembra che i Friedkin abbiano riallacciato i contatti con l’imprenditore ceco Radovan Vitek, il quale ultimamente ha definito l’accordo per l’acquisizione delle società facenti capo al gruppo Parnasi. Tra queste vi è anche Eurnova, che possiede i 140mila metri quadrati dell’area di Tor di Valle. Oltre allo stadio dovrebbe sorgere anche un business park, ovvero la parte del progetto che interessa di più a Vitek.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Roma, il Psg vuole Florenzi a titolo definitivo

LEGGI ANCHE >>> Genoa-Roma, niente da fare: salta il rientro tra i disponibili

Stadio Roma, ripartono i contatti Friedkin-Vitek

Virginia Raggi (Getty Images)

Il business-park, infatti, dovrebbe essere totalmente appannaggio dell’imprenditore ceco. Sembrerebbe quindi che, già dall’inizio di questa settimana, i funzionari delle due parti in causa, stiano cercando di trattare affinché l’accordo stipulato inizialmente da Pallotta, possa restare in piedi.

Bisognerà soprattutto sciogliere il nodo riguardante il Comune e le spese di 300 milioni di euro, per le opere di urbanizzazione dell’area di Tor di Valle, fondamentali per rendere fruibile lo stadio.

Nel frattempo, il Campidoglio e la Regione dovranno trovare un’intesa per l’Accordo di Collaborazione sulla Roma-Lido. Un altro passo di vitale importanza, per l’ok definitivo al progetto da parte della Giunta. Un’approvazione che la sindaca Raggi ha promesso entro Natale.