Calciomercato Roma, c’è il sì al trasferimento: la chiave per chiudere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:40

Calciomercato Roma, c’è il sì al trasferimento: la chiave per chiudere l’affare è la cessione di Olsen all’Everton. L’arrivo di Bernard si fa più vicino.

Calciomercato Roma
Fonseca (Getty Images)

Il mese di gennaio sarà decisivo per perfezionare la rosa di calciatori a disposizione di Fonseca. Servono assolutamente un esterno destro di difesa, soprattutto in caso di addio di Bruno Peres e/o Santon, e un trequartista o punta che possa sostituire Pedro. Un calciatore abile nell’ultimo passaggio e anche a concludere in rete. El Shaarawy, che secondo le quote dei bookmaker resta il calciatore più vicino alla Roma, sarebbe felicissimo di un ritorno in giallorosso e sta spingendo in questo senso. C’è però da fare i conti con lo Shanghai Shenhua, ecco perché c’è un’altra opzione da tenere in conto.

LEGGI ANCHE —>Calciomercato Roma, l’esterno non rinnova e i giallorossi ci ripensano

LEGGI ANCHE —>Roma, Reynolds sembra aver deciso il suo futuro

Calciomercato Roma, doppio affare con l’Everton

calciomercato Roma Bernard
Bernard (Getty Images)

Secondo quanto riportato da “Il Romanista”, il trequartista brasiliano Bernard ha detto sì alla Roma. Sarebbe felice di accasarsi in giallorosso e lavorare di nuovo con Fonseca. L’affare potrebbe decollare visto l’interesse dell’Everton per Robin Olsen, con uno scambio alla pari. Già in prestito con i Toffees, l’allenatore Carlo Ancelotti ha fatto capire che il club vuole ingaggiarlo a titolo definitivo. Vista la disponibilità di tutti gli attori della trattativa, se la Roma e in particolare il nuovo general manager Tiago Pinto deciderà che è l’operazione giusta per fare compiere un altro salto di qualità alla rosa, l’operazione andrà definitivamente in porto.

Accontentando però Bernard per quanto riguarda l’ingaggio. All’Everton guadagna circa tre milioni e mezzo di euro netti più bonus. Una cifra che la Roma non può permettersi. La scorciatoia, puntando sul Decreto Crescita, è quella di garantire un contratto per almeno ulteriori due anni (scadenza 2024).